ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-10222013-181338


Thesis type
Tesi di laurea specialistica LC6
Author
PIEROTTI, SIMONE
URN
etd-10222013-181338
Title
Il nuovo Codice della strada (Legge 29 luglio 2010, n.210): aspetti e problematiche di tossicologia forense.
Struttura
RICERCA TRASLAZIONALE E DELLE NUOVE TECNOLOGIE IN MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
MEDICINA E CHIRURGIA
Supervisors
relatore Prof. Giusiani, Mario
Parole chiave
  • Codice della Strada
  • alcool
  • droghe
  • cocaina
  • cannabinoidi
  • oppioidi
  • allucinogeni
  • amfetamine
  • ecstasy
  • tossicologia forense
  • medicina legale
Data inizio appello
03/12/2013;
Consultabilità
Completa
Riassunto analitico
L’assunzione di alcool e di sostanze stupefacenti o psicotrope determina, nei
conducenti di veicoli, un’alterazione tale da rappresentare uno dei principali fattori di
rischio di infortunistica stradale.
Il legislatore ha, pertanto, identificato e sanzionato la guida in stato di ebbrezza e
di alterazione psico-fisica in conseguenza di assunzione di sostanze stupefacenti e
psicotrope (artt. 186 e 187 del Codice della strada), prevedendo, inoltre, sanzioni
maggiori per talune categorie di conducenti a rischio (art.186 bis); contestualmente, si
è posta attenzione nel prevenire tali comportamenti, mediante accertamento dei
requisiti psico-fisici per il conseguimento della patente di guida (art. 119) e tramite
l’istituzione di programmi di educazione stradale (art. 230).
L’excursus legislativo che ha portato alla versione attuale del Codice della strada, è
stato complesso e non scevro di problematiche riguardanti l’attuazione e
l’applicazione dei dispositivi legislativi, risultandone, talora, la mancanza di quei
requisiti che sono propri del diritto penale, ovvero la certezza e l’uniformità.
Poste queste premesse, lo scopo di questa tesi è, quindi, di descrivere le principali
sostanze d’abuso ed i loro effetti sulla guida, illustrare la normative vigente
evidenziandone le criticità da un punto di vista della tossicologia forense e della
medicina legale e proporre, in ultimo, un protocollo, basato sulle evidenze
scientifiche, per i laboratori di tossicologia forense per l’accertamento con finalità
medico legale.