ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-10022007-195210


Thesis type
Tesi di laurea specialistica
Author
RIZZELLI, GRAZIA MARIA LUISA
URN
etd-10022007-195210
Title
Risposta immune a peptidi citrullinati nel follow up di pazienti con artrite reumatoide
Struttura
MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
MEDICINA E CHIRURGIA
Supervisors
Relatore Prof.ssa Migliorini, Paola
Parole chiave
  • artrite reumatoide
  • ACPA
  • peptidi citrullinati
  • VCP
Data inizio appello
23/10/2007;
Consultabilità
Completa
Riassunto analitico
E’ stata recentemente descritta la presenza nel siero dei pazienti affetti da artrite reumatoide (AR) di anticorpi diretti contro proteine o peptidi citrullinati (ACPA). Gli ACPA reagiscono con proteine endogene o esogene in cui le arginine siano state trasformate nella forma deiminata, cioè nell’aminoacido non naturale citrullina. Gli ACPA sono presenti anche nelle fasi iniziali di malattia, sono pressoché esclusivi dell’AR e sembrano associati alle forme più gravi e più erosive di malattia.
Per queste caratteristiche possono essere considerati anticorpi marker di AR.
Lo scopo della tesi è la valutazione dell’andamento nel tempo degli ACPA nell’AR, utilizzando più metodi per la loro rilevazione e studiando l’andamento del titolo anticorpale in rapporto a indicatori clinici di attività di malattia (VES, PCR).
Sono stati studiati 31 pazienti affetti da AR seguiti per un periodo di tempo compreso fra 3 mesi e 4 anni. Gli ACPA sono stati misurati all’inizio e alla fine del follow up con 3 metodi: un metodo basato su peptidi citrullinati ciclici (CCP) e due metodi che utilizzano peptidi virali citrullinati, derivati da EBNA I (virali citrullinated peptide, VCP 1) ed EBNA II (VCP 2). In parallelo sono stati dosati gli anticorpi specifici per il tossoide tetanico e per la proteina EBNA I nativa.
I risultati ottenuti indicano che gli ACPA misurati con CCP o VCP1 o VCP2 variano in modo consensuale e non correlato con le variazioni degli anticorpi anti-tossoide, anti-EBNA I nativa o con le variazioni dei tests di flogosi.
Il titolo degli ACPA resta elevato anche alla fine del follow up, quando invece gli indicatori sierologici di attività di malattia sono marcatamente ridotti.
Gli ACPA non sembrano quindi essere un buon marcatore di attività di malattia. I risultati suggeriscono che la produzione sia controllata e regolata in modo diverso rispetto a quella degli anticorpi specifici per “antigeni di immunizzazione” quali il tossoide tetanico o antigeni virali.
File