ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-09252017-171935


Thesis type
Tesi di laurea magistrale LM6
Author
APRUZZESE, LUC
URN
etd-09252017-171935
Title
Sepsi e shock settico nell'U.O. Medicina d'Urgenza e Pronto Soccorso dell'AOUP: analisi di gestione, timing della terapia e outcome dei pazienti ricoverati nell'arco di un anno.
Struttura
RICERCA TRASLAZIONALE E DELLE NUOVE TECNOLOGIE IN MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
MEDICINA E CHIRURGIA
Commissione
relatore Dott. Santini, Massimo
correlatore Dott.ssa Ferrini, Laura
tutor Dott.ssa Baldoni, Giulia
Parole chiave
  • sepsi
  • sepsis
  • shock settico
  • outcome
  • timing
  • management
  • septic shock
Data inizio appello
17/10/2017;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
La sepsi è definita come una disfunzione d’organo potenzialmente letale causata da una risposta disregolata nei confronti di un’infezione.<br><br>A differenza di altre condizioni critiche che necessitano di un intervento immediato (come traumi, infarto del miocardio STEMI e ictus) non è così semplice individuare velocemente uno stato settico.<br><br>Le ultime linee guida sottolineano l’importanza di una rapida presa in carico del paziente, fissando anche una serie di obiettivi temporali entro cui iniziare la terapia rianimatoria. <br>All’arrivo del paziente in Pronto Soccorso, però, la diagnosi di sepsi può non essere immediata a causa dell’assenza di specificità della sua presentazione clinica e delle numerose diagnosi differenziali possibili da escludere. Per questo motivo spesso sono necessari diversi accertamenti che rallentano inevitabilmente il riconoscimento di questa condizione e l’inizio delle cure.<br><br>Dopo aver effettuato la diagnosi e iniziato il trattamento, deve essere quindi disposto il ricovero del paziente: accanto ai reparti di Medicina e di Terapia Intensiva, il medico di Pronto Soccorso può contare nell’AOUP sulla Terapia Sub-Intensiva del Reparto di Medicina d’Urgenza <br><br>Qui i medici del Reparto monitorizzano il paziente e proseguono il trattamento, aggiungendo eventualmente ulteriori terapie e cercando d’identificare e controllare il focolaio settico, in accordo con le linee guida. <br><br>In questa tesi viene analizzata la gestione dei pazienti con sepsi e shock settico arrivati nel Pronto Soccorso dell’AOUP e ricoverati poi in Medicina d’Urgenza Ospedaliera: nello studio viene posta particolare attenzione alle variabili che possono aver condizionato il momento d’inizio della terapia. <br>Viene infine studiato se queste differenze o altri fattori abbiano in qualche modo influenzato la prognosi in Reparto.
File