ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-09252015-173547


Thesis type
Tesi di laurea magistrale LM6
Author
LUSCHI, LORENZO
URN
etd-09252015-173547
Title
STATUS DELLA VITAMINA D NELLA MALATTIA RENALE CRONICA ED EFFETTO DELLA SUPPLEMENTAZIONE CON COLECALCIFEROLO
Struttura
RICERCA TRASLAZIONALE E DELLE NUOVE TECNOLOGIE IN MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
MEDICINA E CHIRURGIA
Commissione
relatore Prof. Cupisti, Adamasco
Parole chiave
  • fgf-23
  • calcifilassi
  • iperparatiroidismo secondario
Data inizio appello
20/10/2015;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Questo studio investiga i fattori legati all&#39; ipovitaminosi D, in una popolazione di 405 pazienti con CKD dagli stadi 2 a 4, che vivono in Italia e che sono seguiti presso La Nefrologia della AOUP .<br>Nello studio viene anche valutato un sottogruppo di 100 pazienti con ipovitaminosi D, che hanno ricevuto un trattamento per 12 mesi con colecalciferolo alla dose 10000 unità una volta alla settimana <br>La carenza di vitamina D, ovvero valori al di sotto dei 20 ng/ml, sono stati ritrovati in 269 pazienti (66,4 %), mentre uno stato di insufficienza di vitamina D, ovvero valori tra 21 e 30 ng/ml (oggi viene considerato 30ng/ml il valore necessario di vitamina D per parlare di quantità sufficiente ), è stato ritrovato in 67 pazienti (16,5%).<br>In pazienti diabetici il deficit della 25(OH)vitD raggiungeva l&#39; 80% dei casi.<br>Nei pazienti con età superiore ai 65 anni il deficit raggiungeva l&#39; 89 % dei soggetti.<br>I livelli di 25(OH)vitD erano negativamente correlati a età, PTH, proteinuria, Charlson index; al contrario, una relazione positiva era emersa con i valori di emoglobina. <br>L’ analisi di regressione multipla mostrava che l&#39; età e il PTH sono indipendentemente <br>associati con i livelli di vitamina D, mentre non compariva una relazione tra i livelli della 25(OH)vitD e la funzione renale.<br>I livelli sierici della 25(OH)vitD non differivano tra soggetti con dieta libera e soggetti che facevano una dieta a basso contenuto di fosfati e proteine.<br>Dodici mesi di terapia con 10000 unità di colecalciferolo una volta alla settimana aumentavano i valori di idrossivitamina D e abbassavano i livelli sierici di PTH.<br>In sintesi, lo stato di carenza e insufficienza di vitamina D è presente nella maggior parte dei soggetti (83%) con CKD in Italia; i livelli della 25 (OH)vitD sono maggiormente legati ai livelli sierici di PTH e all&#39; età avanzata piuttosto che ad altri fattori. L&#39; assunzione orale di colecalciferolo migliora i livelli della 25 (OH)vitD e riduce i livelli sierici di PTH, quindi dovrebbe sempre essere raccomandata nei pazienti con CKD e ipovitaminosi D, o quando non fosse disponibile il dosaggio della 25(OH)vitD<br> <br>
File