ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-09252013-201045


Thesis type
Tesi di laurea specialistica LC6
Author
FAZZINI, GIULIA
URN
etd-09252013-201045
Title
Imaging spettrale e captazione volumetrica dello iodio: un nuovo parametro quantitativo nella diagnostica dell'epatocarcinoma.
Struttura
RICERCA TRASLAZIONALE E DELLE NUOVE TECNOLOGIE IN MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
MEDICINA E CHIRURGIA
Commissione
relatore Prof. Bartolozzi, Carlo
Parole chiave
  • imaging spettrale
  • epatocarcinoma
  • accuratezza diagnostica
  • tomografia computerizzata
  • biomarcatori
Data inizio appello
15/10/2013;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Scopo<br> Scopo della tesi è stato di valutare qualità e accuratezza diagnostica della Tomografia Computerizzata (TC) a doppia energia con imaging spettrale in pazienti cirrotici con epatocarcinoma (HCC) e il possibile ruolo diagnostico della concentrazione volumetrica di iodio (volumetric iodine uptake, VIU) nella caratterizzazione della neoplasia.<br><br>Materiali e Metodi<br>Lo studio ha incluso 43 pazienti cirrotici con HCC diagnosticato secondo i criteri delle linee guida internazionali, valutati mediante TC con modalità di acquisizione in imaging spettrale nella fase arteriosa parenchimale, da gennaio a settembre 2013. Le immagini TC sono state valutate retrospettivamente analizzando le modalità di visualizzazione policromatica, monocromatica a 70keV e “iodio-acqua”. È stata eseguita un’analisi quantitativa calcolando: a) rapporto contrasto-rumore (contrast-to-noise ratio, CNR) delle diverse modalità di visualizzazione; <br>b) percentuale del coefficiente di attenuazione (misurato in HU) della lesione e del fegato circostante normalizzata per l’aorta addominale (CAN) mediante analisi della curva spettrale; c) VIU della lesione. Inoltre, è stata condotta un’analisi qualitativa in termini di: a) qualità complessiva delle immagini (punteggio 1-5); b) detezione delle lesioni (punteggio 1-3); c) numero di lesioni visualizzate.<br>Risultati<br>Il CNR medio è stato significativamente (P&lt;0.0001) superiore per le immagini “iodio-acqua” (4,19±2,42), rispetto alle policromatiche (2,17±1,6) e alle monocromatiche (2,79 ± 1,78) per le monocromatiche. Il valore medio del CAN è stato di 37,9% per HCC e 27,7% per il parenchima epatico. Il tempo medio per il calcolo della VIU è stata di 92±80 secondi; tale parametro è risultato essere altamente riproducibile (k=0,999). In particolare, il contenuto medio di iodio nel volume segmentato è stato di 22,4 ± 6,9 µg/cm3. Il punteggio medio di qualità e detezione delle immagini è stato di 4,72 e 2,51,rispettivamente, per le immagini policromatiche, 4,74 e 2,83 per le monocromatiche e 4,44 e 2,83 per le immagini “iodio-acqua”. Il numero di noduli identificati è stato di 106/108, (98,1%) per le immagini “iodio-acqua”, 91/108 (84,2%) per le policromatiche e 102/108 (94,4%) per le monocromatiche. <br><br><br><br>Conclusioni<br>L’imaging spettrale in TC fornisce immagini di buona qualità, con ottima capacità di detezione delle lesioni ipervascolari, e fornisce un parametro quantitativo altamente riproducibile, espressione della neoangiogenesi tumorale e pertanto potenzialmente utile nel follow-up dei pazienti con HCC.<br>
File