ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-09242013-060339


Thesis type
Tesi di laurea magistrale
Author
BENEDETTI, CLARA
URN
etd-09242013-060339
Title
Messa a punto di procedure analitiche per la determinazione di composti clorurati in matrici di interesse ambientale
Struttura
CHIMICA E CHIMICA INDUSTRIALE
Corso di studi
CHIMICA
Commissione
relatore Prof. Ceccarini, Alessio
relatore Dott.ssa Paolicchi, Ilaria
controrelatore Prof. Valentini, Giorgio
Parole chiave
  • PCB
  • matrici di interesse ambientale
  • pesticidi clorurati
Data inizio appello
15/10/2013;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
I policlorobifenili (PCB) e parte dei pesticidi clorurati sono due delle principali classi di composti riconosciuti come inquinanti organici persistenti dalla Convenzione di Stoccolma del 2001.<br>Il Parlamento del Consiglio Europeo, attraverso il Regolamento 1272 del 2008, ha classificato gli analiti oggetto di studio come altamente tossici e, in alcuni casi, come potenzialmente cancerogeni per l’uomo.<br>In Europa sono in vigore numerose Direttive e Decreti che definiscono, per le diverse matrici, concentrazioni limite di PCB e pesticidi che non devono essere superate per tutelare la salute umana e dell’ambiente. In Italia il principale testo di riferimento in materia ambientale è il Decreto Legislativo 152 che, oltre alle concentrazioni di contaminazione, definisce i requisiti che un metodo analitico deve possedere per poter essere ritenuto idoneo ai fini della determinazione di una certa classe di composti.<br>Il lavoro presentato, svolto presso i laboratori della Chemical Controls s.r.l. di Livorno, si è posto come obiettivi lo sviluppo di procedure per la determinazione di policlorobifenili e pesticidi clorurati in terreni, sedimenti, rifiuti solidi e oli di scarto.<br>Partendo dalle linee guida UNI e EPA che propongono diverse tecniche di estrazione e purificazione dei campioni, si è proceduto alla messa a punto di due procedure analitiche -una per i campioni solidi e una per gli oli di scarto- che non solo risultassero conformi ai requisiti richiesti dal D.Lgs. 152 ma che rispettassero anche le esigenze interne del laboratorio di analisi in termini di tempi e costi.<br>Al termine del lavoro svolto si è arrivati alla definizione di procedure analitiche robuste e ripetibili che consentono la determinazione simultanea di PCB e pesticidi nelle diverse matrici di interesse e che sono risultate notevolmente versatili di fronte all’elevata eterogeneità di campioni appartenenti anche ad una stessa categoria. <br>
File