ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-09222014-231017


Thesis type
Tesi di laurea specialistica LC6
Author
BIAGINI, RAFFAELLO UMBERTO DARIO
URN
etd-09222014-231017
Title
INSUFFICIENZA CARDIACA DIASTOLICA NEI PAZIENTI CON DIABETE MELLITO DI TIPO 1 : EFFETTI DEL TRAPIANTO ISOLATO DI PANCREAS
Struttura
RICERCA TRASLAZIONALE E DELLE NUOVE TECNOLOGIE IN MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
MEDICINA E CHIRURGIA
Supervisors
relatore Prof. Mariotti, Rita
Parole chiave
  • trapianto di pancreas isolato
  • insufficienza cardiaca diastolica
  • diabete mellito tipo 1
Data inizio appello
14/10/2014;
Consultabilità
Completa
Riassunto analitico
Background

Nei pazienti affetti da diabete mellito di tipo 1 sono state descritte alterazioni della struttura e della funzione cardiaca anche in assenza di coronaropatia, ipertensione arteriosa e valvulopatie. La manifestazione più precoce di questo quadro patologico è rappresentata dalla disfunzione diastolica ventricolare sinsitra. È stato dimostrato che il trapianto di pancreas rallenta la progressione e, in alcuni casi, determina la regressione delle complicanze micro-vascolari; non sono tuttavia ben noti gli effetti del trapianto di pancreas isolato sulla disfunzione diastolica ventricolare sinistra.

Materiali e metodi

Il presente studio ha preso in esame una popolazione di pazienti affetti da DM tipo 1 e candidati al trapianto di pancreas isolato. Al termine di un follow up di 5 anni è stato condotto il confronto tra il gruppo di pazienti sottoposti a trapianto di isolato di pancreas (gruppo TPA) ed il gruppo di pazienti che risultava ancora in lista di attesa (gruppo NTPA). Tra i due gruppi è stato eseguito un confronto delle caratteristiche cliniche, laboratoristiche ed ecocardiografiche all’inizio e al termine del follow-up, considerando in particolare le differenze nei parametri ecocardiografici di funzione diastolica e la loro variazione a seguito del trapianto.

Risultati

Dal confronto trai due gruppi al termine del follow up sono emerse differenze statisticamente significative a carico di numerosi indici di funzione diastolica, tra cui l’Emax (NTPA=69,9±11,09 versus TPA=78,33±16,3 , p=0,0408), il rapporto E/A (NTPA=1,04±0,36 versus TPA=1,23±0,32 , p=0,037), l’EDT (NTPA=225,75±27,28 versus TPA=201,66±34,14 , p=0,0140), l’E’ (NTPA=10,95±2,41 versus TPA=13,83±2,95 , p= 0,000273) , di alcuni indici di funzione sistolica come il FS ( NTPA=36,71±4,16 versus TPA=40,78±5,29 , p=0,0033) , ed infine, tramite analisi della varianza, di alcuni indici strutturali come la massa (p=0,0095), la massa indicizzata (p=0,011) e l’IVSTd (p=0,014759).

Conclusioni

Sebbene dall’analisi longitudinale nel gruppo dei trapiantati non emerga un miglioramento statisticamente significativo degli indici di funzione diastolica, dal confronto longitudinale nel gruppo dei PTA e dal confronto trasversale al termine del follow up sembra che il trapianto di pancreas isolato abbia avuto effetti benefici in termini di mancata progressione del declino della funzione diastolica.
Sembrano esserci stati benefici anche sulla funzione sistolica e sull’ipertrofia ventricolare sinistra che frequentemente accompagna i pazienti diabetici di lunga data.
File