ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-09212012-112421


Thesis type
Tesi di laurea magistrale
Author
CASTELLI, GIUSEPPE
URN
etd-09212012-112421
Title
La valutazione delle performance: l'esperienza nei Ministeri italiani
Struttura
ECONOMIA E MANAGEMENT
Corso di studi
STRATEGIA, MANAGEMENT E CONTROLLO
Commissione
relatore Prof. Lazzini, Simone
Parole chiave
  • Relazione sulla gestione
  • Piano dell a performance
  • D. Lg. 150/2009
  • controlli
  • performance
  • amministrazioni pubbliche
  • Ministeri
  • evoluzione dei controlli nella pubblica amministra
  • Ministero della Salute
Data inizio appello
11/10/2012;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
11/10/2052
Riassunto analitico
Il tema della valutazione delle performance nella pubblica amministrazione è ormai stabilmente presente nello schema organizzativo del nostro paese.<br>Da oltre vent&#39;anni infatti si sono innescati cambiamenti importanti nel modo di vedere e di &#39;fare&#39; pubblica amministrazione. Anche se questi cambiamenti hanno incontrato lungo il loro cammino notevoli resistenze culturali si assiste passo dopo passo all&#39;assorbimento del concetto di valutazione all&#39;interno di un più ampio disegno di innovazione pubblica. Percorriamo questo cammino analizzando il tema della valutazione della performance in ambito pubblico, con particolare attenzione alle amministrazioni centrali e cioè i Ministeri, attraverso il succedersi della normativa. <br>Nel primo capitolo si mettono in evidenza gli elementi caratterizzanti la performance in ambito pubblico e le caratteristiche principali della misurazione della performance per poi passare ad analizzare l’evoluzione dei controlli interni evidenziando innanzitutto i passaggi sperimentali che hanno portato alla prima importante riforma sul pubblico impiego, il D.Lgs. 29/1993, che sarà di decisivo riferimento, pur con le sue successive modifiche, fino alla sua trasposizione nel D.Lgs. 286/1999, dispositivo che porta a considerare il controllo non più come un processo unico ma suddiviso in quattro tipologie di controllo differenti ma integrate tra loro, e alla separazione delle competenze dei dirigenti e degli organi di indirizzo pubblico. <br>Nel secondo capitolo si passa ad analizzare il D. Lgs. 150/2009, attuato dal Ministro Brunetta, che ridisegna l’impianto dei controlli dei controlli nelle amministrazioni, inserendo degli importanti correttivi al processo normativo iniziato con il D. Lgs. 286/1999. <br>Nel terzo capitolo si focalizza l’attenzione sull’applicazione delle novità principali introdotte dal D. Lgs. 150/2009, e cioè il Piano della performance che individua gli obiettivi dell’amministrazione e i connessi indicatori e la Relazione sulla performance, che a consuntivo si sofferma sui risultati organizzativi e individuali degli indicatori, rilevando gli scostamenti rispetto alle previsioni, a un caso concreto riguardante il Ministero della salute.<br>Nel quarto e ultimo capitolo si evidenziano i punti di forza e di debolezza della suddetta riforma.<br>
File