ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-09182017-215116


Thesis type
Tesi di laurea magistrale LM5
Author
SEVERINI, MATTEO
URN
etd-09182017-215116
Title
Analisi di vulnerabilità sismica della Scuola Rossini a Firenze
Struttura
INGEGNERIA DELL'ENERGIA, DEI SISTEMI, DEL TERRITORIO E DELLE COSTRUZIONI
Corso di studi
INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA
Commissione
relatore Beconcini, Maria Luisa
relatore Croce, Pietro
Parole chiave
  • sismica
  • vulnerabilità
Data inizio appello
12/10/2017;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Il presente lavoro di Tesi nasce dalla “convenzione per lo svolgimento in comune di attività di pubblico interesse mediante accordo di ricerca” stipulata in data 12/10/2016 fra il Comune di Firenze ed il Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale dell’Università di Pisa, allo scopo di effettuare attività di ricerca relativa all’accertamento della vulnerabilità sismica del patrimonio comunale di edilizia scolastica ed impiantistica sportiva.<br>Data la vastità del patrimonio edilizio e la pericolosità sismica che interessa l’intero territorio nazionale, rivestono un ruolo di primaria importanza gli edifici pubblici di rilevanza “strategica” tra cui appunto la scuola oggetto di studio nella presente Tesi.<br>A fronte di un dettagliato rilievo geometrico strutturale e di estesi saggi in situ volti ad ottenere un adeguato livello di conoscenza del fabbricato, si è resa possibile la realizzazione di un modello numerico, effettuato tramite software di calcolo agli elementi finiti, rappresentativo dell’attuale stato di fatto dell’edificio.<br>In base a quanto previsto dalle NTC 2008 è stata effettuata un’analisi dinamica modale con spettro di risposta in accelerazione; quindi sono state effettuate le verifiche di sicurezza previste sotto carichi sismici.<br>A completamento della valutazione di vulnerabilità sismica è stata effettuata, su un secondo modello numerico, un analisi statica non lineare (push-over) che ha permesso di studiare l’evoluzione in campo plastico della struttura e di valutare il fattore di struttura q (rappresentativo delle risorse post-elastiche della struttura stessa) paragonandolo con i valori previsti dalla Norma vigente per la specifica tipologia strutturale.<br>
File