ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-09142013-152923


Thesis type
Tesi di laurea magistrale
Author
RANALDO, MARZIA
URN
etd-09142013-152923
Title
Effetti delle colture di copertura sulle dinamiche dell'azoto nel terreno.
Struttura
SCIENZE AGRARIE, ALIMENTARI E AGRO-AMBIENTALI
Corso di studi
PRODUZIONI AGROALIMENTARI E GESTIONE DEGLI AGROECOSISTEMI
Supervisors
relatore Prof. Mazzoncini, Marco
Parole chiave
  • sovescio
  • cover crop
  • azoto
Data inizio appello
07/10/2013;
Consultabilità
Completa
Riassunto analitico
Lo scopo della ricerca è stato quello di verificare l’effetto della pratica del sovescio di una
consociazione di orzo (Hordeum vulgare L.) e veccia (Vicia sativa L.) sulla presenza di N nel
terreno sia come N totale che nella sua forma nitrica.
Il sovescio è stato effettuato in un sistema colturale biologico, ed il suo effetto è stato comparato
con l’assenza di cover crop nel periodo invernale in un sistema convenzionale, per l’occasione non
concimato. Sono stati prelevati campioni di terreno a diverse profondità e in tre momenti dell’anno.
Inoltre sono stati prelevati campioni di vegetali, sia della biomassa del sovescio, in aprile, sia della
biomassa della coltura in successione: il mais, in giugno. Sui campioni di terreno sono stati
determinati: contenuto in sostanza organica, azoto totale, azoto nitrico, nitroso e ammoniacale; sui
vegetali: produzione di biomassa di orzo, veccia, infestanti e mais, loro concentrazione di N e
relative asportazioni.
Dai risultati ottenuti durante l’annata 2012-2013 e dalla comparazione di questi con i dati storici
disponibili per i campi oggetto della sperimentazione, è stato possibile evidenziare che la pratica del
sovescio, associata ad un sistema biologico, è potenzialmente in grado di incrementare il contenuto
di sostanza organica nei terreni rispetto ad un sistema convenzionale. Il sovescio ha dimostrato di
avere un effetto positivo anche sulla concentrazione di azoto nel terreno, e sulla presenza di forme
dell’elemento disponibili per la coltura in successione. Il mais nel sistema biologico ha raggiunto
una produzione di biomassa maggiore ed ha assimilato una quota maggiore di azoto al momento del
campionamento (stadio 6° foglia) rispetto a quello coltivato nel sistema convenzionale. La
maggiore presenza di azoto nei terreni dove è stato praticato il sovescio non è però mai stata tale da
esporre il terreno a fenomeni di intensa lisciviazione.
File