ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-09112018-221115


Thesis type
Tesi di laurea magistrale LM5
Author
FRANCHI, ILENIA
URN
etd-09112018-221115
Title
Whistleblowing: un forte strumento di reazione alla corruzione
Struttura
GIURISPRUDENZA
Corso di studi
GIURISPRUDENZA
Commissione
relatore Prof. Fioritto, Alfredo
Parole chiave
  • PNA
  • contesto europeo
  • Regno Unito
  • Stati Uniti
  • l. 179/2017
  • l. 190/2012
  • ANAC
  • corruzione
  • whistleblowing
  • trasparenza
  • inconferibilità
  • incompatibilità
  • conflitto di interessi
  • d.lgs. 231/2001
Data inizio appello
08/10/2018;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
L’istituto del whistleblowing può essere definito come la segnalazione posta in essere da parte di un dipendente, il quale svolga la propria attività tanto in una struttura pubblica quanto privata, al fine di denunciare una condotta illecita o comunque una qualsiasi forma di irregolarità di cui sia venuto a conoscenza in ragione del proprio rapporto di lavoro.
Il presente elaborato si pone l’obiettivo di esaminare la normativa italiana di tema di whistleblowing al fine di valutarne la ragionevolezza ed eventualmente suggerire interventi migliorativi. Per fare ciò il testo è stato suddiviso in quattro capitoli.
Il primo capitolo è dedicato alla corruzione, in particolare la sua definizione, l’inquadramento codicistico, cause ed effetti, occasione mancata di Mani Pulite ed i poteri acquisiti nel tempo da parte dell’ANAC.
Il secondo capitolo ha ad oggetto l’evoluzione della normativa italiana in tema di whistleblowing partendo dalla l. 6 novembre 2012, n. 190, passando per le Linee guida ANAC, fino alla l. 30 novembre 2017, n. 179. Della normativa verranno evidenziati i tratti caratterizzanti e criticità.
Il terzo capitolo ha un taglio comparatistico in quanto viene analizzata la disciplina in tema di whistleblowing di cinque ordinamenti: Stati Uniti, Regno Unito, Paesi Bassi, Francia e Germania. Il capitolo comprende inoltre una constatazione dei differenti approcci sul tema da parte degli Stati.
Il quarto capitolo analizza gli altri strumenti di contrasto alla corruzione che discendono dalla l. 6 novembre 2012, n. 190 e il rapporto tra d.lgs. 8 giugno 2001, n. 231 e fenomeno corruttivo. Conclude valutando il D.d.l. relativo alle nuove misure di contrasto ai reati contro la pubblica amministrazione, approvato il 6 settembre 2018 in sede di Cdm, e suggerimenti per un eventuale intervento futuro del legislatore in tema di whistleblowing.
File