ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-09102014-123753


Thesis type
Tesi di laurea specialistica LC6
Author
LUPERINI, CHIARA
URN
etd-09102014-123753
Title
Il ruolo dell'impulsività nel gioco d'azzardo patologico
Struttura
RICERCA TRASLAZIONALE E DELLE NUOVE TECNOLOGIE IN MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
MEDICINA E CHIRURGIA
Commissione
relatore Prof.ssa Dell'Osso, Liliana
correlatore Dott.ssa Marazziti, Donatella
Parole chiave
  • gioco d'azzardo patologico
  • GAP
  • gambling
  • impulsività
  • BIS-11
  • SOGS
Data inizio appello
14/10/2014;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Il gioco d’azzardo patlogico (GAP) è una patologia emergente inquadrata attualmente nell’ambito delle dipendenze comportamentali (DSM-5). La fisiopatologia del GAP è tuttora sconosciuta, anche se sul piano neurobiologico vengono sottolineate alcune sue somiglianze con i disturbi da abuso di sostanze. In particolare, si ritiene che siano alterati i sistemi della gratificazione e del controllo degli impulsi.<br>Pertanto, scopo di questo studio è stato quello di valutare l&#39;impulsività in pazienti affetti da GAP, utilizzando la Barratt Impulsivity Scale, versione 11 (BIS-11), rispetto ad un gruppo di soggetti sani di controllo. Sono state poi esplorate le possibili correlazioni tra impulsività e gravità del quadro clinico misurato con la scala South Oaks Gambling Screen (SOGS). <br>Sono stati inseriti nello studio 35 pazienti (tutti uomini) con diagnosi di GAP, reclutati presso l’Ambulatorio della Clinica Psichiatrica, Dipartimento di Medicina Clnica e Sperimentale, e un gruppo di 35 soggetti sani di controllo (tutti uomini). I risultati ottenuti hanno evidenziato un punteggio totale della BIS-11, di alcuni fattori (impulsività motoria e complessità cognitiva) e di alcune sottoscale (impulsività motoria e senza pianificazione) significativamente più alti nei pazienti rispetto ai controlli sani. Inoltre, sono emerse correlazione positive e significative tra il punteggio della SOGS e il punteggio totale della BIS-11, o quello dei fattori “attenzione” e “instabilità cognitiva”, e delle sottoscale “impulsività attentiva” e “impulsività motoria” (rs =0.459, p= .021). Questi dati supportano l&#39;ipotesi che l&#39;impulsività svolga un ruolo chiave nel GAP forse correlato alla gravità del quadro clinico.
File