ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-09092011-165744


Thesis type
Tesi di laurea specialistica LC6
Author
BELFIORE, JACOPO
URN
etd-09092011-165744
Title
Valutazione della reattività del microcircolo capillare in corso di sepsi durante trattamenti di emoperfusione extracorporea con Toraymyxin o CPFA
Struttura
MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
MEDICINA E CHIRURGIA
Commissione
correlatore Forfori, Francesco
correlatore Palombo, Carlo
relatore Prof. Giunta, Francesco
Parole chiave
  • sepsi
  • CPFA
  • Endopat
  • Toraymyxin
Data inizio appello
18/10/2011;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
18/10/2051
Riassunto analitico
Il paziente settico è per definizione un paziente critico in cui è presente, tra le varie alterazioni fisiopatologiche, una compromissione del microcircolo che porta, nell’evoluzione della patologia, ad una insufficiente perfusione degli organi e distretti periferici. <br>Il nostro studio è teso a identificare le modificazioni della reattività del microcircolo,<br>basate sul calcolo dell’indice di iperemia reattiva (RH-PAT index) nei pazienti<br>settici, prima e dopo i trattamenti di emoperfusione extracorporea con CPFA o TORAYMYXIN. <br>L’indice di iperemia reattiva è il principale parametro di valutazione della reattività del microcircolo e viene calcolato mediante l’ausilio di uno strumento di indagine pletismografica denominato Endopat 2000: esso riesce a rilevare in maniera non operatore dipendente ed assolutamente non invasiva l’onda del flusso capillare periferico. Alcuni autori hanno dimostrato che l’indice di iperemia reattiva, e quindi la reattività vascolare del microcircolo, sono ridotti nei pazienti settici rispetto ai controlli, rappresentati da gruppi di soggetti sani che non assumevano alcun tipo di farmaco. Pertanto, nel nostro studio, cercheremo di valutare se tale indice si modifica a seguito di due dei principali trattamenti di emoperfusione extracorporea principalmente applicati, CPFA o TORAYMYXIN: la popolazione oggetto di studio è composta da due gruppi:<br>• gruppo di controllo: pazienti ricoverati presso la sede dello studio con diagnosi di sepsi, ma non sottoposti ad alcun trattamento di emoperfusione. <br>• gruppo di pazienti con diagnosi di sepsi sottoposti a trattamenti di emoperfusione extracorporea.<br>Entrambi i gruppi sono sottoposti alla valutazione dei seguenti parametri: <br>-calcolo dell’RH-PAT index.<br>- concentrazione dei Lattati ematici (indice principale della non corretta perfusione d’organo).<br><br>- concentrazione del Fibrinogeno plasmatico (uno dei principali indici di risposta infiammatoria in atto).<br><br>- concentrazione della Procalcitonina (PCT) ematica (marker precoce di sepsi).<br><br>- Inoltre verranno riportati, tra i dati, i valori dei parametri emodinamici peraltro<br>indagati di routine nel reparto di Anestesia e rianimazione IV universitaria, sede<br>dello studio.<br>
File