ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-09062012-101144


Thesis type
Tesi di laurea specialistica LC6
Author
BOTTARI, DIEGO
URN
etd-09062012-101144
Title
Adeguatezza della linfoadenectomia nel trattamento chirurgico del carcinoma del colon destro: analisi comparativa tra procedure laparotomiche e laparoscopiche.
Struttura
MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
MEDICINA E CHIRURGIA
Commissione
relatore Prof. Chiarugi, Massimo
Parole chiave
  • laparoscopia
  • linfoadenectomia
  • carcinoma colon destro
Data inizio appello
25/09/2012;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
25/09/2052
Riassunto analitico
<br>• L’atto chirurgico ricopre un ruolo fondamentale nella strategia terapeutica delle affezioni neoplastiche maligne del colon destro. Lo scopo della chirurgia è ottenere l’asportazione del tumore nella maniera più radicale possibile e permettere, in tal modo, una corretta stadiazione di malattia, elemento chiave dal punto di vista prognostico.<br>• E’ stato ormai accertato che il numero di linfonodi esaminati costituisca un importante parametro prognostico sia nei pazienti pN0 sia nei pazienti con linfonodi positivi (N+), essendo stato dimostrato che un numero minore di linfonodi esaminati si associ ad una minore sopravvivenza. <br>• Lo standard di 12 linfonodi asportati è considerato il valore minimo accettabile per una corretta valutazione dell’impegno linfonodale nel cancro del colon.<br>• Nel nostro studio, sia per quanto riguarda le procedure laparotomiche che le laparoscopiche, questo standard è stato ampiamente rispettato e non sono emerse, da questo punto di vista, differenze significative tra le due tecniche.<br><br>In conlusione, abbiamo quindi dimostrato come, nel carcinoma del colon destro, si possa garantire la radicalità oncologica e la corretta stadiazione di malattia anche attraverso un approccio laparoscopico che, ove applicabile, può essere preferito in virtù dei suoi numerosi vantaggi: riduzione del dolore postoperatorio, riduzione dei tempi di degenza, minore durata dell’ileo postoperatorio con più precoce ritorno all’alimentazione per via orale, più precoce ritorno alle attività ordinarie e al normale lavoro e più piccole incisioni chirurgiche con miglior risultato cosmetico.<br>
File