ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-09052011-100243


Thesis type
Tesi di laurea specialistica
Author
BIAGINI, CRISTINA
URN
etd-09052011-100243
Title
Riutilizzo di scarti del processo conciario per la produzione di materiali polimerici innovativi
Struttura
INGEGNERIA
Corso di studi
INGEGNERIA CHIMICA
Commissione
relatore Vitolo, Sandra
controrelatore Lazzeri, Andrea
relatore Puccini, Monica
Parole chiave
  • blown film
  • idrolizzato proteico
Data inizio appello
29/09/2011;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
29/09/2051
Riassunto analitico
Nel presente studio di tesi si è approfondita la possibilità di utilizzare i residui delle operazioni meccaniche di scarnatura e rasatura delle pelli, sottoprodotti del processi di produzione del cuoio. Tali materiali, costituiti prevalentemente da collagene, sono trasformati in idrolizzati proteici mediante operazioni di sgrassaggio, idrolisi alcalina o enzimatica e concentrazione, e commercializzati sotto forma di prodotti per l’agricoltura. Considerata l’ingente quantità di idrolizzato proteico prodotta nel Distretto Conciario Toscano, si rende necessaria l’individuazione di processi e tecnologie innovative per la valorizzazione di tale scarto di lavorazione. <br><br>Tali sottoprodotti sono stati utilizzati quindi nella produzione di materiali compositi a base di matrici polimeriche, destinati alla fabbricazione di prodotti di basso pregio come gli imballaggi, i film e i manufatti utilizzati in campo agricolo.<br><br>La sperimentazione condotta in questo lavoro di tesi ha il fine di verificare la fattibilità dell’impiego dell’idrolizzato proteico in miscela con polietilene (matrice polimerica di largo uso e basso costo) per la produzione di film termoplastici che presentino proprietà tali da consentirne l&#39;utilizzo per la realizzazione di manufatti commerciali, utilizzando la tecnologia di film blowing.<br><br>Sui film prodotti sono state effettuate una serie di caratterizzazioni per valutarne le proprietà fisico-chimiche al fine di individuare le miscele che permettano di coniugare le migliori proprietà ottenibili con il massimo recupero possibile di idrolizzato proteico.
File