ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-08222017-183911


Thesis type
Tesi di laurea magistrale LM5
Author
PRESTANICOLA, DANILO
URN
etd-08222017-183911
Title
La sicurezza della Repubblica. Profili di diritto costituzionale e comparato.
Struttura
GIURISPRUDENZA
Corso di studi
GIURISPRUDENZA
Commissione
relatore Prof. Dal Canto, Francesco
Parole chiave
  • servizi segreti
  • servizi di informazione
  • sicurezza della repubblica
  • privacy e costituzione
  • sicurezza e costituzione
  • intelligence italiana e comparata
Data inizio appello
25/09/2017;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Il presente lavoro ha ad oggetto lo studio dei servizi di informazione per la sicurezza della Repubblica dal punto di vista costituzionale. La nostra attenzione si è maggiormente focalizzata sulla funzione e le caratteristiche dell&#39;intelligence, per poi concentrarsi sull&#39;aspetto giuridico del sistema soffermandosi fin dall&#39;inizio sulla prima legge organica della materia (quella del 1977), e successivamente analizzando analiticamente il problema costituzionale della sicurezza, del suo difficile bilanciamento con gli altri diritti costituzionalmente da tutelare ed in particolare con il diritto alla privacy e alla riservatezza. Soltanto con la legge n. 124 del 2007 si è riusciti quantomeno a dare qualche risposta alla materia del contendere, pur con qualche intoppo interpretativo ancora da correggere. Non a caso il fulcro centrale della nostra analisi è concentrato proprio sulla suddetta legge, andando ad analizzare ogni punto della disciplina e cercando di capire quale siano state le reali intenzioni del Legislatore nell&#39;elaborarla. L&#39;ultimo capitolo si propone invece di gettare uno sguardo agli altri ordinamenti internazionali in materia di intelligence, sicurezza e servizi segreti. Nell&#39;analisi comparata sono stati messi in luce profili positivi e negativi che caratterizzano i nostri Servizi di intelligence e la loro regolamentazione rispetto a quelli tedeschi, francesi, inglesi e statunitensi, prospettando anche eventuali riforme in tal senso.<br>
File