ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-07312018-182157


Thesis type
Tesi di laurea magistrale LM6
Author
CARRARA, CHIARA
URN
etd-07312018-182157
Title
La riabilitazione del mascellare atrofico con approccio graftless: studio clinico sull'utilizzo degli impianti pterigoidei.
Struttura
PATOLOGIA CHIRURGICA, MEDICA, MOLECOLARE E DELL'AREA CRITICA
Corso di studi
ODONTOIATRIA E PROTESI DENTARIA
Commissione
relatore Covani, Ugo
Parole chiave
  • impianti inclinati
  • regione pterigomascellare
  • impianti pterigoidei
  • atrofia mascellare
Data inizio appello
17/09/2018;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
17/09/2021
Riassunto analitico
OBIETTIVO: Le atrofie ossee mascellari rappresentano una sfida nelle riabilitazioni<br>implantari. Gli impianti posizionati nella regione pterigomascellare garantiscono un<br>aumentato supporto posteriore e permettono di realizzare una riabilitazione totale<br>efficiente. Lo scopo dello studio è valutare retrospettivamente l&#39;efficacia degli impianti<br>pterigoidei secondo i criteri ICOI del 2007, nel contesto delle riabilitazioni del<br>mascellare superiore.<br>MATERIALI E METODI: Sono stati inseriti 51 impianti pterigoidei. È stato condotto<br>uno studio retrospettivo, in cui è stato eseguito un follow-up di 0,1-24 mesi dopo<br>l&#39;applicazione del carico. Il successo implantare è stato descritto quando conforme ai<br>criteri ICOI definiti nel 2007.<br>RISULTATI: A seguito di un periodo di follow-up di 24 mesi, la percentuale di successo<br>è stata pari al 98%. In aggiunta, è stato rilevato che la lunghezza degli impianti più<br>favorevole per l&#39;inserimento nell&#39;omologa regione è stata pari a 19 mm, che il diametro<br>più impiegato è stato di 3,4 mm, e che l&#39;angolazione media di posizionamento in senso<br>mesiodistale è risultata di 52,35 ± 7,57°.<br>CONCLUSIONI: Il posizionamento di impianti nella regione pterigomascellare,<br>utilizzando frese a spire a diametri crescenti, risulta essere una valida riabilitazione<br>chirurgica nel caso di pazienti con grave atrofia del mascellare.
File