ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-07052011-004251


Thesis type
Tesi di laurea specialistica
Author
RUVOLO, ANNA
URN
etd-07052011-004251
Title
Distribuzione di S.coeruleoalba (Meyen, 1833) e T. truncatus (Montagu, 1821)nel Tirreno settentrionale: variabilità spazio-temporale e correlazione con i fattori ambientali
Struttura
SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI
Corso di studi
BIOLOGIA MARINA
Supervisors
relatore Prof. Castelli, Alberto
relatore Dott.ssa Arcangeli, Antonella
Parole chiave
  • Biologia Marina
  • Cetacei
Data inizio appello
21/07/2011;
Consultabilità
Parziale
Data di rilascio
21/07/2051
Riassunto analitico
Il progetto di monitoraggio dei cetacei nel Tirreno settentrionale, nato nel febbraio 2008 dalla collaborazione dell’Università di Pisa con l’ISPRA, e altri Enti, ha permesso di ottenere indici di abbondanza delle diverse specie di cetacei presenti nell’area, di valutare la loro distribuzione e di monitorarne le variazioni durante tutto l’arco dell’anno, comparando il dato negli anni e in diverse aree. Il progetto prevede l’uso dei traghetti di linea della Corsica & Sardinia Ferries come piattaforma d'osservazione, da cui sono effettuati gli avvistamenti con il metodo del transetto lineare adattato su rotta fissa. Il lavoro di osservazione svolto in campo lungo la tratta Livorno-Bastia nel Tirreno settentrionale ha permesso di valutare la frequenza di avvistamento e la distribuzione delle diverse specie di cetacei nell’area indagata durante le tre annualità di monitoraggio complete (2008-2010); i risultati ottenuti forniscono un quadro di medio-lungo termine utile anche per un’analisi stagionale della presenza dei cetacei, per valutare migrazioni ed eventuali variazioni nella distribuzione spaziale. Dopo la rielaborazione dei dati ottenuti, si vuole correlare la presenza dei cetacei ai diversi fattori ambientali: fattori abiotici, come i parametri oceanografici (batimetria, pendenza, distanza dalla costa, temperatura dell'acqua, ecc.), fattori biotici, come la clorofilla, la fauna ittica o fattori antropici come il traffico navale.Dai risultati ottenuti nel corso degli anni le specie più abbondanti sono risultate la Stenella coeruleoalba e il Tursiops truncatus; l’obiettivo di questo lavoro è di analizzarne la distribuzione nel Tirreno settentrionale, correlando i dati ottenuti con il monitoraggio degli animali con i parametri fissi e variabili che ne possono influenzare la distribuzione e cercando di trarre conclusioni attendibili anche grazie al confronto con le altre specie presenti e in special modo con Balaenoptera physalus.
File