ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-06232020-145712


Thesis type
Tesi di laurea magistrale
Author
PAPINI, SILVIA
URN
etd-06232020-145712
Title
Un pittore di corte nella Livorno di fine Seicento: Antonio Franchi (1638-1709) e la sua committenza multiculturale.
Struttura
CIVILTA' E FORME DEL SAPERE
Corso di studi
STORIA E FORME DELLE ARTI VISIVE, DELLO SPETTACOLO E DEI NUOVI MEDIA
Supervisors
relatore Sicca, Cinzia Maria
Parole chiave
  • collecting practices.
  • francesi
  • olandesi
  • inglesi
  • mercanti
  • ritratti
  • pittura
  • Livorno
  • Lucchese
  • Antonio Franchi
  • Leghorn
  • collezionismo
  • committenza
  • merchants
  • patronage
  • foreigners
  • Firenze
  • stranieri
  • portraiture
  • painting
  • Florence
Data inizio appello
13/07/2020;
Consultabilità
Secretata d'ufficio
Data di rilascio
13/07/2090
Riassunto analitico
La presente ricerca investiga la produzione del pittore e ritrattista di corte Antonio Franchi (1638-1709) nel porto di Livorno. La figura del Franchi è stata finora studiata soprattutto in relazione alle opere pubbliche e private create per committenti lucchesi e fiorentini. Questa ricerca prende avvio dai documenti autografi del pittore, constatando come il pittore soggiornò in più occasioni a Livorno e lavorò ripetutamente per committenti che vi risiedevano, la maggior parte dei quali di nazionalità straniera.
I primi tre capitoli si concentrano sui tre argomenti da cui prende avvio questo studio: la vita di Antonio Franchi, integrata con notizie inedite, la storia di questa città ed infine un’analisi sulla tradizione e sulle modalità della ritrattistica seicentesca.
La successiva metà della ricerca indaga nel vivo come e soprattutto per chi Antonio Franchi ebbe la possibilità di lavorare durante i suoi soggiorni nel porto. Partendo dalle personalità di nazionalità britannica, si passa poi a parlare dei clienti francesi, di quelli appartenenti alla comunità olandese-alemanna, di quelli della comunità ebrea ed infine degli italiani presenti a Livorno. Tramite uno studio della committenza artistica vengono definite nella trattazione le esigenze di chi era un cittadino stabile livornese e chi si trovava nel porto solo in via transitoria.
Grazie a numerosi nuovi dati viene così approfondito l’ambiente artistico livornese di quegli anni e i legami di collaborazione tra pittori. Si propone, in conclusione, un’analisi dell’importanza che Livorno ebbe per i pittori toscani tardo-seicenteschi e come il suo carattere sociale diversificato fu alla base di un collezionismo altrettanto caratteristico.
File