ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-06232015-190901


Thesis type
Tesi di laurea specialistica LC5
Author
MAZZONCINI, LEONARDO
URN
etd-06232015-190901
Title
Progetto per la nuova sede del centro di ricerche agro-ambientali "Enrico Avanzi" dell'Universita di Pisa presso San Piero a Grado (PI)
Struttura
INGEGNERIA DELL'ENERGIA, DEI SISTEMI, DEL TERRITORIO E DELLE COSTRUZIONI
Corso di studi
INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA
Commissione
correlatore Prof. Cinelli, Fabrizio
relatore Prof. Castiglia, Roberto
Parole chiave
  • Enrico Avanzi San Piero Ciraa
Data inizio appello
16/07/2015;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
16/07/2018
Riassunto analitico
La presente tesi, nata in collaborazione con l’ufficio tecnico della Direzione Edilizia dell’Università<br>di Pisa, si pone come obiettivo primario il trasferimento e l’accorpamento delle strutture del<br>Centro di Ricerche Agro-Ambientali (C.i.R.A.A.) dell’Ateneo Pisano presso San Piero a Grado (PI).<br>Attualmente la sua struttura produttiva è dislocata in maniera piuttosto caotica e disfunzionale su<br>tutta la Tenuta di Tombolo, un’area naturale protetta di circa 1.700 ettari di proprietà dell’Università<br>di Pisa dal 1963 e facente parte del più vasto Parco Naturale di Migliarino, San Rossore e<br>Massaciuccoli. Oltre che per necessità funzionali, il progetto per un nuovo centro aziendale<br>diventa obbligatorio per ottemperare alle prescrizioni del Decreto del Direttore Regionale per i<br>Beni Culturali e Paesaggistici della Toscana n° 447/2009. Tale D.D.R. delinea una perimetrazione di<br>tutela indiretta attorno alla Basilica di San Piero al fine di garantire il decoro e la qualità del contesto<br>del Complesso Monumentale. Alcune strutture del Centro localizzate nell’area retrostante la<br>Basilica hanno innescato un meccanismo di degrado che, seppur circoscritto ad un’area piuttosto<br>limitata, incide pesantemente sulla godibilità e valorizzazione del bene.<br>Il secondo obiettivo riguarda la gestione e la riqualificazione dei terreni e degli immobili che si<br>libererebbero a seguito dell’accorpamento delle strutture del Centro. Si offre così all’Ateno di Pisa,<br>che si trova impegnato nella gestione e riqualificazione del patrimonio immobiliare della tenuta<br>di Tombolo, l’opportunità di riottenere la piena disponibilità di terreni e immobili da valorizzare,<br>ridestinandoli a funzioni più consone alla loro natura (residenziali, alberghiera, museale, ecc.).<br>L’area destinata ad accogliere il trasferimento del Centro rientra tra i terreni di proprietà<br>dell’Università e si colloca a ovest di San Piero a Grado, in una fascia di terreno che va da via Vecchia<br>di Marina al viale D’Annunzio. La zona fa parte di un territorio di alto valore paesaggistico in cui<br>sono tutt’oggi ancora presenti i segni della forte matrice rurale che ha da sempre contraddistinto<br>questi luoghi. Il progetto si colloca quindi all’interno di un più ampio intervento di riorganizzazione<br>architettonico-paesaggistica di un’area di 9,2 ettari che conserva la sua principale destinazione<br>agricolo-produttiva. Sarà quindi necessario nella progettazione del nuovo centro aziendale tener<br>conto dell’impatto che i nuovi fabbricati avranno nel contesto ambientale, al fine di mimetizzarsi<br>e risultare il più possibile integrate nell’ambiente.
File