ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-06132006-102241


Thesis type
Tesi di laurea vecchio ordinamento
Author
Bianchi, Giorgio
URN
etd-06132006-102241
Title
Caratterizzazione geomeccanica e simulazione di caduta massi in un'area ad elevato flusso turistico lungo la costa livornese.
Struttura
SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI
Corso di studi
SCIENZE GEOLOGICHE
Commissione
relatore Prof. Puccinelli, Alberto
relatore Dott. D'Amato Avanzi, Giacomo Alfredo
Parole chiave
  • Caratterizzazione geomeccanica
  • simulazione di caduta massi
Data inizio appello
30/06/2006;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
30/06/2046
Riassunto analitico
Questo studio è stato realizzato al fine di verificare la stabilità di alcune pareti rocciose in un tratto di costa a sud della città di Livorno, scelto in base all’elevata frequentazione turistica nel periodo estivo. Tale lavoro ha previsto inizialmente una campagna di rilevamento geomeccanico seguendo i criteri proposti dalla classificazione di Bieniawski: sono state valutate le condizioni di stabilità degli ammassi rocciosi attraverso la caratterizzazione della matrice rocciosa e delle famiglie di discontinuità precedentemente rilevate. Dopo aver effettuato in ciascuna stazione l’analisi cinematica dei sistemi di discontinuità in modo da determinare il tipo di movimento franoso che si può verificare, è stata applicata la classificazione di Romana (basata sull’indice SMR), in quanto indicata nell’analisi di stabilità dei versanti.<br>I dati sono stati riportati su una piattaforma GIS, sulla quale è stata realizzata una cartografia in base all’indice Slope Mass Rating di Romana, tramite un’analisi areale dei parametri geomeccanici e della distribuzione spaziale delle discontinuità. Con questo metodo è stato quindi possibile valutare area per area le zone potenzialmente instabili e classificarle in base al grado di stabilità risultante; i risultati forniti hanno evidenziato una forte dipendenza dal dominio strutturale nel quale sono collocate le stazioni di riferimento. Sono state così evidenziate le aree più facilmente soggette a scivolamento planare o ribaltamento. In tali zone (scelte in base al rischio legato all’elevata frequentazione nel periodo estivo), in fase successiva, si è utilizzato un software specifico (Georock) per effettuare delle simulazioni di caduta massi. Dai risultati sono emerse alcune problematiche legate al possibile impatto di blocchi di notevoli dimensioni in aree intensamente frequentate.<br>
File