ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-06072013-204017


Thesis type
Elaborati finali per laurea triennale
Author
LAMI, FRANCESCA
URN
etd-06072013-204017
Title
Tecniche di rilassamento in atleti apneiste d'elite: studio psicometrico e psicofisiologico degli effetti della meditazione
Struttura
MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
PSICOLOGIA CLINICA E DELLA SALUTE
Commissione
relatore Dott. Gemignani, Angelo
Parole chiave
  • meditazione (meditation)
  • apneista d'elite (elite diver)
  • effetti psicofisologici (psychophysiological effec
  • tecniche di rilassamento (relaxation techniques)
Data inizio appello
10/09/2009;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
The main aim of this thesis has been to study the effects of meditation techniques on cerebral and autonomic activities and on anxiety and stress perception, both by reviewing the scientific literature and by carrying on a pilot study in elite apnea divers. <br>Literature revision highlighted that the long-term use of meditative techniques is associated with structural and functional brain changes, with a better attentive performance and a more effective management of negative emotions<br>In the second part of the work is described a pilot study that describes the use of meditation as relaxation technique in elite apnea divers. In the study, an evaluation of the divers’ personality and an evaluation of the effects of meditation on EEG activity, on autonomic response and on the perception of anxiety and stress have been carried out. <br>Data obtained from statistical analysis have shown that meditation produces a reduction of the scores in psychometric scales, which evaluate perceived stress and anxiety level. <br>Data from statistical analysis of the EEG parameters have shown that meditative state compared to the resting state produces a specific increase of theta and alpha activities in fonto-central areas and an overall increase of gamma activity. Together with these EEG modifications, it is associated an increase in parasympathetic activity, that has been identified using the spectral analysis of the Heart Rate Variability signal. <br>Furthermore, it has been observed that there is a correlation between the best meditative performances before the apnea and the lowest impairment of respiratory functioning after the apnea. <br>We could declare that meditative techniques are able to modulate both cerebral and autonomic activities and that the behavioral correlates of these results are the reduction of stress perceived and a better control of anxiety level. Elite apnea divers, using these techniques, are able to control the negative emotions and also to reduce the negative cardiopulmonary effects given by the apnea.<br>--------------------------------------------------<br>Lo scopo principale di questo lavoro di tesi è stato quello di affrontare sia sul piano teorico che su quello sperimentale lo studio degli effetti indotti dalle tecniche di meditazione sull&#39;attività cerebrale, sull’attività del sistema nervoso autonomo e su aspetti di vissuto soggettivo quali l’emozione di ansia e la percezione dello stress, sia tramite la revisione della letteratura, che conducendo uno studio pilota su apneisti d’elite. <br>La revisione della letteratura ha evidenziato che l’uso prolungato nel tempo di tecniche meditative, si associa a cambiamenti cerebrali sia di tipo anatomico che funzionale, a migliori performance attentive e ad una migliore gestione delle emozioni negative. <br>Nella seconda parte della tesi è descritto uno studio pilota, che descrive l&#39;utilizzo della meditazione come tecnica di rilassamento in atleti apneisti d&#39;elite e prevede una caratterizzazione di tipo personologico e psicometrico ed una valutazione di stato degli effetti della meditazione sull’attività EEG, autonomica e sulla percezione dello stress e dell’ansia. <br>Le analisi statistiche indicano che la meditazione induce una riduzione dei punteggi delle scale psicometriche che valutano la percezione dello stress e dei livelli d’ansia. Le analisi statistiche dei segnali EEG, indicano che lo stato meditativo confrontato con veglia rilassata ad occhi chiusi induce un incremento significativo di attività teta ed alfa nelle regioni fronto-centrali e di attività gamma generalizzato. A queste modificazioni EEG si associa un incremento di attività parasimpatica identificato mediante analisi spettrale del segnale di variabilità cardiaca. <br>Inoltre è stato osservato che nei soggetti apneisti le migliori capacità meditative si associano ad una minore compromissione della funzione respiratoria dopo performance. <br>In conclusione i dati di questo lavoro di tesi indicano che le tecniche meditative sono in grado di modulare sia l’attività cerebrale che autonomica, i cui correlati comportamentali sono la riduzione della percezione dello stress e il maggior controllo dei livelli d’ansia. L’utilizzo di queste tecniche in atleti estremi come gli apneisti permette non solo di controllare le emozioni negative, ma anche di ridurre gli effetti negativi cardiorespiratori dell’apnea.<br>
File