ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-05312016-173126


Thesis type
Tesi di laurea magistrale
Author
PANTUOSCO, GIADA
URN
etd-05312016-173126
Title
Jeannie Gunn: cronache di una Missus nella Never-Never Land
Struttura
FILOLOGIA, LETTERATURA E LINGUISTICA
Corso di studi
LINGUE E LETTERATURE MODERNE EUROAMERICANE
Supervisors
relatore Prof.ssa Giovannelli, Laura
Parole chiave
  • We of the Never-Never
  • White pioneer woman
  • Northern Territory
  • The Little Black Princess
  • Jeannie Gunn
  • Australian bush
  • European settlers and the aboriginal presence
Data inizio appello
27/06/2016;
Consultabilità
Completa
Riassunto analitico
Ai fini della disamina condotta in questa tesi, l'attenzione sarà rivolta in particolar modo alla letteratura australiana, in cui si inserisce la scrittrice Jeannie Gunn (1870-1961). Ritengo infatti interessante analizzare il rapporto che intercorse tra una scrittrice bianca e gli aborigeni che popolavano la regione del Northern Territory, in quanto le sue due opere più famose, qui scelte per l'analisi, The Little Black Princess: a True Tale of Life in the Never-Never Land (1905) e We of the Never-Never (1908), sono ambientate in quell'area che, come è possibile notare già a partire da entrambi i titoli, è anche conosciuta con il nome di “Never-Never Land”. Attraverso questi testi è possibile giungere alla conclusione come gli indigeni appaiano sostanzialmente strumentalizzati in rapporto alla causa imperialistica, volta a mantenerli in una situazione di inferiorità per motivi economici, politici e sociali. I numerosi esempi estrapolati dai libri mostrano come la Gunn tenti, a più riprese, di rispondere a una certa empatia e comprensione nei confronti dei nativi (aprendosi allo studio delle loro tradizioni culturali, come miti, usanze e costumi), relativa apertura che si accompagna sempre però a un presupposto legato alla superiorità dei bianchi (referenti, maestri, esempi di civiltà evoluta).
File