ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-05232016-115247


Thesis type
Tesi di specializzazione (6 anni)
Author
TASSINARI, DANIELE
URN
etd-05232016-115247
Title
SLEEVE GASTRECTOMY: CORRELAZIONE DEI RISULTATI A LUNGO TERMINE CON LA MORFOLOGIA DELLO STOMACO RESIDUO ED I DISTURBI DELLA CONDOTTA ALIMENTARE.
Struttura
PATOLOGIA CHIRURGICA, MEDICA, MOLECOLARE E DELL'AREA CRITICA
Corso di studi
CHIRURGIA GENERALE
Commissione
relatore Prof. Chiarugi, Massimo
relatore Dott. Anselmino, Marco
Parole chiave
  • disturbi della condotta alimentare
  • chirurgia bariatrica
  • morfologia dello stomaco residuo
  • sleeve gastrectomy
Data inizio appello
29/06/2016;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
OBIETTIVI: In letteratura la dimensione dello stomaco residuo è ritenuta fra gli elementi cruciali nel determinare la riuscita della Sleeve Gastrectomy (SG) nel trattamento dell’obesità e la dilatazione del fondo gastrico la principale responsabile del suo fallimento. L’obiettivo primario di questo studio è la ricerca di correlazioni fra la morfologia dello stomaco residuo nell’immediato post operatorio, la sua dilatazione negli anni e i risultati a lungo termine. Il secondo obiettivo si propone di correlare i disturbi della condotta alimentare pre-intervento chirurgico, l’alterazione del gusto, la percezione della fame e il senso di sazietà precoce con i risultati post SG.<br>MATERIALI E METODI: Studio prospettico in pazienti con follow-up minimo di 2 anni. Valutazione della morfologia dello stomaco residuo, nell’immediato post-operatorio e a distanza di anni, mediante Rx esofago-stomaco-duodeno con m.d.c. idrosolubile calcolando la superficie del remnant in proiezione antero-posteriore (AP) e obliqua anteriore destra (OAD). Diagnosi dei disturbi della condotta alimentare nel preoperatorio e loro rivalutazione mediante “Eating Disorder Inventory-3” (EDI3). Valutazione dei cambiamenti della percezione dei sapori, della presenza/assenza di senso di appetito e della sensazione di sazietà precoce post SG. In base alla percentuale di eccesso di peso corporeo perso (EWL%) i pazienti sono stati divisi in due gruppi: I gruppo (SG fallite) con EWL&lt;50% (23pazienti), II gruppo (SG efficaci) con EWL&gt;50% (27pazienti).<br>RISULTATI: 50 pazienti: 37donne-13uomini, età media 52 anni, peso preoperatorio 131±21,8 Kg, BMI 47,4±6,8 Kg/m2. Fra i pazienti il 38% pazienti era affetto da T2DM, il 72% da IA ed il 24% da OSAS moderato-severa. Follow-up medio: 35 mesi (range24-66). Nel I e nel II gruppo si è ottenuta remissione da T2DM rispettivamente nel 50% e nel 33,3%, da IA nel 27,8% e nel 50% e da OSAS nel 28,6 e nel 60%. Fra i due gruppi le dimensioni medie del remnant nell’immediato post-operatorio erano sovrapponibili. A lungo termine si è documentato un incremento percentuale medio dell’area AP e OAD rispettivamente del 57,2% e del 48,4%. Nel I gruppo la dilatazione si è dimostrata significativamente superiore che nel II con incremento AP del 70,2% vs 46,1%, OAD del 59,3% vs 39% e della larghezza del corpo del 102% vs 41,7%. Nel preoperatorio i disturbi della condotta alimentare erano presenti più nel II gruppo che nel I ad accezione dello sweet eating. Al follow-up non sono stati riscontrati cambiamenti significativi nella percezione dei sapori. Il 52% dei pazienti del II gruppo vs il 26% di quelli del I gruppo ha riferito di continuare a non sentire il senso di fame, analogamente il 92,5% vs il 78% ha dichiarato la persistenza del senso di sazietà precoce. Per tutte le variabili fornite dall’EDI 3 i due gruppi non differivano in modo significativo.<br>CONCLUSIONI: A lungo termine la dilatazione media dello stomaco residuo post SG è di circa il 50% rispetto all’immediato postoperatorio. I pazienti con EWL&lt;50% hanno una dilatazione del remnant maggiore rispetto a quelli con EWL&gt;50% pur partendo da dimensioni postoperatorie sovrapponibili. La porzione in percentuale più dilatata è il corpo gastrico. La remissione di T2DM non sembra essere strettamente correlata alla perdita di peso. Fra i disturbi della condotta alimentare lo sweet eating sembra essere connesso, seppur debolmente, con il fallimento della SG.<br>
File