ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-05212010-102312


Thesis type
Tesi di laurea specialistica LC5
Author
PALLOTTI, ELENA
URN
etd-05212010-102312
Title
Indagine sulla ricomparsa di uova di ascaridi in orsi in cattivita
Struttura
MEDICINA VETERINARIA
Corso di studi
MEDICINA VETERINARIA
Commissione
correlatore Dott. Cavicchio, Paolo
controrelatore Prof.ssa Mancianti, Francesca
relatore Dott. Papini, Roberto Amerigo
Parole chiave
  • ascaridi
  • Baylisascaris transfuga
  • tempo di ricomparsa
  • Orso polare (Ursus maritimus)
  • ivermectina.
Data inizio appello
11/06/2010;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
11/06/2050
Riassunto analitico
Baylisascaris transfuga è un parassita cosmopolita, segnalato in tutte le specie di orsi; questo nematode rappresenta un problema sanitario per le popolazioni di orsi tenuti in cattività a causa della resistenza delle sue uova nell&#39;ambiente. Oltre a provocare malattie cliniche gastro-intestinali negli ospiti definitivi, è un potenziale agente di sindrome da larva migrante viscerale in altre specie animali, che possono fungere da ospiti intermedi, e nell&#39;uomo.<br>Per diminuire il rischio di reinfestazione sono necessari adeguati programmi di controllo che prevedano sia trattamenti antielmintici per ridurre la carica parassitaria negli orsi, sia misure igieniche per ridurre la contaminazione ambientale.<br>Con il presente lavoro ci siamo posti l&#39;obiettivo di valutare il tempo di ricomparsa delle uova di B. transfuga nelle feci di orsi trattati per via orale con ivermectina. Lo studio è stato eseguito su orsi polari (Ursus maritimus, Phipps 1774) ospitati presso il Giardino Zoologico Città di Pistoia, nel periodo compreso tra Ottobre 2007 e Settembre 2009. Il monitoraggio parassitologico è stato eseguito mediante flottazione con soluzioni di nitrato di sodio (Peso specifico = 1.200) su 88 campioni fecali raccolti con cadenza settimanale. Le analisi eseguite hanno permesso di individuare un tempo di ricomparsa medio di 83 ± 19 giorni. Sono state inoltre riscontrate delle variazioni stagionali, con un minore tempo di ricomparsa, e quindi con un maggior rischio di reinfestazione, in primavera-estate.<br>
File