ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-05182015-103327


Thesis type
Tesi di specializzazione (5 anni)
Author
SALVATI, ANTONIO
URN
etd-05182015-103327
Title
Candidemie in area medica, epidemiologia e diagnosi precoce
Struttura
MEDICINA CLINICA E SPERIMENTALE
Corso di studi
MEDICINA INTERNA
Commissione
relatore Taddei, Stefano
relatore Solini, Anna
Parole chiave
  • epidemiology. internal medicine
  • epidemiologia
  • candidiasi invasiva
  • candidemia
  • candida
  • antifungal therapy
  • medicina interna
  • score
Data inizio appello
03/06/2015;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
03/06/2018
Riassunto analitico
Le candidemie risultano essere un problema emergente all’interno dei reparti dell’area medica; i pazienti presenti nei reparti di medicina sono di solito più anziani, hanno comorbidità multiple come ad esempio la cirrosi epatica o le malattie respiratorie croniche ostruttive, possono essere malnutriti o ricevere nutrizione parenterale periferica o totale, e frequentemente sono sottoposti a terapia cronica con corticosteroidi, chemioterapia per il cancro o gli anticorpi monoclonali per malattie autoimmuni. Tali fattori di rischio possono essere contemporaneamente presenti in un singolo paziente aumentando il rischio di sviluppo di micosi invasive. La diagnosi di candidemia invasiva è particolarmente difficile nei pazienti ricoverati nei reparti di medicina, in quanto i sintomi e segni hanno una bassa specificità, e la maggior parte dei test diagnostici sono stati convalidati solo in pazienti ematologici neutropenici, ma non in quelli senza neutropenia. La candidemia è associata inoltre ad una elevata morbidità e la mortalità. <br>L’individuazione precoce dei pazienti potenzialmente a rischio di sviluppare candidemia e l’attuazione di una tempestiva terapia antifungina rappresentano i punti cardine nel determinare la prognosi dei pazienti.<br>L’attuazione di uno score di rischio per la presenza di candidosi invasive calibrato sui pazienti ricoverati nei reparti di medicina, potrebbe rappresentare un elemento indispensabile per migliorare gli outcomes clinici nei pazienti affetti da candidemia con ripercussioni positive anche in termini di economia sanitaria. <br>
File