ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-05172017-171043


Thesis type
Tesi di laurea magistrale LM5
Author
VERGARA, ALESSANDRO
URN
etd-05172017-171043
Title
La tularemia: aggiornamenti epidemiologici
Struttura
SCIENZE VETERINARIE
Corso di studi
MEDICINA VETERINARIA
Commissione
relatore Dott. Fratini, Filippo
Parole chiave
  • Tularemia
  • Francisella
  • epidemiologia
  • tassonomia
  • vettori
  • bioterrorismo
Data inizio appello
09/06/2017;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
La tularemia è una malattia infettiva zoonotica trasmessa principalmente da vettori, il cui agente eziologico è il batterio Francisella tularensis.<br>Tale patologia può infettare un&#39;ampia gamma di ospiti, tra cui troviamo gli invertebrati, i mammiferi e gli uccelli. La trasmissione all&#39;uomo avviene attraverso il contatto con animali infetti, l’ingestione di cibo o acqua contaminati, la diretta ingestione di carne infetta poco cotta o cruda, oppure attraverso vettori artropodi quali zecche, mosche e zanzare, nonché tramite amebe a vita libera.<br>La tularemia ha un&#39;ampia distribuzione geografica: tendenzialmente infatti si localizza in tutto l’emisfero settentrionale, per quanto ci siano stati rari isolamenti di questo batterio anche in Australia.<br>Principale scopo di questa tesi è stato quello di fornire aggiornamenti sulla distribuzione di F. tularensis negli esseri umani, nella fauna selvatica e negli animali domestici al fine di caratterizzare l&#39;epidemiologia della tularemia nel mondo e in Europa, con particolare riferimento alla situazione italiana.<br>Sono state raccolte quante più possibili informazioni dettagliate e aggiornate sui casi in esseri umani e animali riscontrati nei Paesi europei e negli Stati Uniti grazie alla consultazione di diversi database internazionali, nonché dei rapporti pubblicati in letteratura.<br>La tularemia è una malattia che presenta una epidemiologia particolarmente complessa che ne rende difficile il controllo. Molti aspetti di questa malattia rimangono poco compresi, ed è perciò necessaria una migliore comprensione del ruolo epidemiologico degli ospiti animali, vettori potenziali, meccanismi di mantenimento nei diversi ecosistemi e percorsi di trasmissione della malattia, nonché una corretta ed adeguata sorveglianza a livello mondiale, anche al fine di arrivare allo sviluppo di un possibile vaccino.<br>Francisella tularensis è inoltre considerata una potenziale arma biologica, a causa della sua estrema virulenza e della dose infettante particolarmente bassa, della facilità di diffusione in aerosol, della resistenza in ambiente e della sua capacità di causare gravi malattie e complicazioni potenzialmente mortali.
File