ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-05092012-104249


Thesis type
Tesi di laurea specialistica LC6
Author
GALLINI, KARIN
URN
etd-05092012-104249
Title
NUOVE POSSIBILITA' DIAGNOSTICHE CON LA RM NELLO STUDIO DEGLI IMPIANTI DI PROTESI D'ANCA
Struttura
MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
MEDICINA E CHIRURGIA
Commissione
relatore Prof. Lisanti, Michele
Parole chiave
  • anca
  • protesi
  • follow-up
  • magnetica
  • risonanza
Data inizio appello
29/05/2012;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
29/05/2052
Riassunto analitico
La protesi totale dell&#39;anca (PTA) è una soluzione sempre più diffusa per svariate e numerose patologie invalidanti, come per esempio l&#39;artrite reumatoide, l&#39;artrosi, le fratture del collo del femore, tumori ossei primitivi e secondari e l&#39;osteonecrosi. Nella maggioranza dei casi il paziente trae notevoli benefici dall&#39;intervento chirurgico, che risolve da un lato la sintomatologia dolorosa, dall&#39;altro conduce ad un sensibile miglioramento della qualità di vita, restituendo autonomia di movimento.<br>Negli ultimi anni, il numero di impianti di protesi articolari è costantemente aumentato e si è quindi reso necessario migliorare le modalità di valutazione dei risultati della chirurgia e delle metodiche di diagnosi delle complicanze postoperatorie, che fino ad oggi si avvalgono principalmente di immagini radiografiche, meno di artrografia, scintigrafia, Tac e Rmn. <br>Scopo di questo lavoro è quello di dimostrare come l&#39;utilizzo della Risonanza Magnetica nel postoperatorio di protesi d&#39;anca permetta di rilevare in maniera più precoce e con maggiore sensibilità la comparsa di alcune complicanze. <br>Una diagnosi precoce delle complicanze permette di evitare a molti pazienti sequele più gravi oppure una chirurgia di revisione della<br>protesi d&#39;anca e di conseguenza si ha una diminuzione dei costi sanitari, della morbidità e della mortalità potenziale causati da un ritardo di diagnosi e quindi della chirurgia. E&#39; dunque ovvio il beneficio che si trae dall&#39;utilizzo di una tecnica di imaging, che consenta di visualizzare complicanze in fase iniziale. <br>Verrà inoltre riportata l&#39;esperienza della 1a Clinica Ortopedica dell&#39;Università di Pisa riguardo l&#39;uso della RM post PTA.
File