ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-04262009-170841


Thesis type
Tesi di dottorato di ricerca
Author
STRIK LIEVERS, FRANCESCA
email address
francesca.striklievers@gmail.com
URN
etd-04262009-170841
Title
I verbi con complemento predicativo. Uno studio semantico-lessicale sull'italiano
Settore scientifico disciplinare
L-LIN/01
Corso di studi
LINGUISTICA GENERALE, STORICA, APPLICATA, COMPUTAZIONALE E DELLE LINGUE MODERNE (ITALIANO, INGLESE, FRANCESE, SPAGNOLO, TEDESCO)
Commissione
Relatore Prof. Ajello, Roberto
Relatore Prof. Prandi, Michele
Parole chiave
  • struttura eventiva
  • polysemy
  • semantica lessicale
  • polisemia
  • lexical semantics
  • lexical aspect
  • lessico generativo
  • generative lexicon
  • event structure
  • aspetto lessicale
Data inizio appello
26/06/2009;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
26/06/2049
Riassunto analitico
La classe dei verbi con complemento predicativo è in questo lavoro definita attraverso una riflessione sul complesso rapporto fra verbi e predicazione. L’ipotesi proposta è che si tratti verbi predicativi, verbi cioè che hanno la funzione di costruire un evento, determinando quanti sono e quale ruolo giocano i partecipanti. Si tratta tuttavia di verbi predicativi con una peculiarità: perché la costruzione dell’evento sia completa necessitano dell’ausilio di un predicato non verbale, il complemento predicativo, che esprima una predicazione relativamente al soggetto (sembrare, diventare, etc.) o all’oggetto del verbo (ritenere, rendere, etc.). <br>Il nucleo del lavoro è costituito dall’analisi, basata sui dati del corpus La Repubblica, delle strutture di frase ammesse dai singoli verbi, e dei loro contenuti concettuali. L’analisi si propone di supportare l’ipotesi iniziale sullo statuto dei verbi con complemento predicativo, e di mettere in luce parametri utili a compilare una classificazione dei verbi su base semantica. La classificazione proposta vede come secondaria la dicotomia fra verbi transitivi e intransitivi e guarda invece principalmente al tipo di evento che è delineato dal verbo e al ruolo giocato dal complemento predicativo. Sono così individuate due macroclassi di verbi, in base al fatto che insieme al complemento predicativo costruiscano eventi semplici (es.: sembrare, ritenere) o eventi complessi, costituiti cioè da più subeventi (es.: diventare, rendere). Gli eventi semplici sono analizzati sullo sfondo della letteratura su modalità e evidenzialità. Gli eventi complessi sono analizzati con gli strumenti del Lessico Generativo (Pustejovsky 1995); questo tipo di analisi è sembrato particolarmente indicato nel caso dei verbi con complemento predicativo, dove verbo e complemento predicativo codificano ciascuno una parte della struttura subeventiva. <br><br>In this work the class of predicative-complement verbs is defined considering the complex relationship between verbs and predication. The hypothesis is that they are predicative verbs: their function is to build an event, determining how many participants there are and what role they play. It has however to be noticed that they are predicative verbs with one peculiarity: the event to be complete, they need the contribution of a non-verbal predicate (i.e. the predicative complement), expressing a predication with regard to the subject (e.g., sembrare, diventare) or to the object (e.g., ritenere, rendere) of the verb.<br>The core of this work is the analysis (based of the data extracted from La Repubblica corpus) of the phrase structures admitted by each verb, and of the conceptual contents of the verbs. The analysis aims at: 1) Supporting the starting hypothesis about the status of predicative complement verbs, 2) Identifying parameters which may be useful for classifying verbs semantically, i.e. based on the type of the event and on the role played by the predicative complement.<br>Two macro-classes are thus identified: verbs building simple events (e.g. sembrare, ritenere), and verbs building complex events, i.e. events with subeventual structure (e.g. diventare, rendere). Simple events are analysed referring to the literature about modality and evidentiality. Complex events are analysed with the tools of the Generative Lexicon (Pustejovsky 1995): this theory proves to be particularly useful here, since verb and predicative complement codify each a different part of the subeventual structure.<br>
File