ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-04062009-161115


Thesis type
Tesi di laurea specialistica
Author
CHISTONI, LISA
URN
etd-04062009-161115
Title
Comunicare in un mercato estero
Struttura
INTERFACOLTA'
Corso di studi
SISTEMI E PROGETTI DI COMUNICAZIONE
Commissione
Relatore Dott. Cavallini, Iacopo
Parole chiave
  • business plan
  • comunicazione aziendale
  • Spagna
Data inizio appello
27/04/2009;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Il testo si occupa di comunicazione economico-finanziaria. Le aziende scelte sono filiali di società farmaceutiche italiane di dimensioni differenti, ma nessuna delle quali risulta quotata in Borsa né sul mercato italiano né su quello spagnolo – che è quello al quale mi riferisco -. Conseguentemente, l&#39;approfondimento riguarderà il corposo ambito della comunicazione aziendale, mentre saranno tenuti in secondo piano i nuclei più specifici della comunicazione economica e finanziaria.<br>Ciò che è stato interessante analizzare ha riguardato i cambiamenti nella forma comunicativa che le aziende scelte manifestano nella loro relazione con l&#39;ambiente esterno, vale a dire a seconda dei canali preferiti, a seconda che si tratti di comunicazione aziendale periodica oppure occasionale ed in base alla categoria di stakeholder. <br>L&#39;indagine svolta attraverso le interviste sul campo (in-deep) ha cercato di investigare soprattutto il rapporto tra le aziende, da un lato, ed il pubblico, i proprietari ed i mass media, dall&#39;altro. <br>Indiscutibile punto di partenza è stata l&#39;analisi del concetto di business plan, sia attraverso l&#39;uso di fonti italiane sia riportando le considerazioni a tal proposito presenti in documenti compilati da un&#39;agenzia spagnola (e nello specifico catalana) che si occupa di investimenti esteri. L’area alla quale mi riferisco è, infatti, quella di Barcellona - ecco perché ho inserito molti grafici a supporto dei dati positivi sulla profittabilità degli investimenti nella Comunità Autonoma catalana -. È vero, purtroppo, che le aziende sono molto gelose dei propri business plan ed è difficile che lascino trapelare informazioni in proposito. Le società farmaceutiche oggetto del mio studio hanno manifestato la stessa chiusura e le stesse paure. In modo specifico, il timore che anche la sola visione di un piano di fattibilità risalente a qualche anno addietro potesse dare preziose indicazioni ai competitor del settore. Generose di dettagli e materiale esplicativo, di tempo e notizie aggiornate, si sono dimostrate inflessibili sulla questione “piano aziendale”. Il fatto è che la questione è più formale che sostanziale, come poi le stesse persone intervistate hanno rivelato con sincerità. Nel senso che, se non è possibile accedere direttamente al business plan, è stato pur sempre possibile conoscere molte informazioni che costituiscono il nucleo del lavoro aziendale. <br>La percezione avuta dalle interviste alle case farmaceutiche è quella di imprese che si sentono fortemente regolate e controllate ed in misura molto maggiore rispetto a qualsiasi altro settore aziendale. Di conseguenza, ho voluto dedicare una parte tanto corposa del lavoro - quella centrale - ai Regulatory Affair, avvalendomi delle pubblicazioni a questo proposito più aggiornate: l&#39;Ordinamento dell&#39;Industria Farmaceutica, la Guida per la Pubblicità dei Medicinali di Uso Umano ed il Codice Spagnolo di Buona Pratica di Promozione di Medicinali e di Interrelazione dell&#39;Industria Farmaceutica con i Professionisti Sanitari, delle quali ho cercato di fornire la traduzione all’italiano il più possibile adeguata. <br><br><br><br><br><br><br><br><br><br>