ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-04032013-170201


Thesis type
Tesi di laurea magistrale
Author
CROBU, MASSIMILIANO
URN
etd-04032013-170201
Title
Economia dell'intersoggettivita: l'importanza degli "altri" nelle dinamiche economiche.
Struttura
CIVILTA' E FORME DEL SAPERE
Corso di studi
FILOSOFIA E FORME DEL SAPERE
Commissione
correlatore Cristiano, Carlo
relatore Prof. Paoletti, Giovanni
Parole chiave
  • Adam Smith problem
  • individualismo assiologico
  • antropologia economica
  • benessere
  • razionalità economica
  • economia positiva
  • economia normativa
Data inizio appello
22/04/2013;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
Il presente lavoro, partendo dall'indagine della filosofia di Adam Smith, si propone di analizzare i rapporti tra individuo e società in ambito economico. In particolare l’attenzione è focalizzata sulla relazione che intercorre tra interesse individuale ed interesse pubblico e sul comportamento umano nelle questioni di scelta. A confronto vengono posti essenzialmente due modelli economici: l’economia positiva di matrice utilitarista che assume come unico modello comportamentale quello dell’homo oeconomicus, un individuo razionale ed esclusivamente auto-interessato; e l’economia intersoggettiva che prende in considerazione nelle sue dinamiche anche una dimensione normativa ed una dimensione relazionale, tenendo sempre conto del rapporto di interdipendenza che ci lega agli “altri” soggetti. All'affermazione dell’individualismo assiologico in ambito economico si è cercato di opporre, attraverso una rilettura di Smith stesso e attraverso l’analisi di alcuni autori contemporanei come Sen, Sennet e Akerlof, un economia più umana in grado di uscire da una dimensione esclusivamente tecnica tenendo conto di questioni identitarie, di equità e delle forme di cooperatività e reciprocità che intercorrono tra gli uomini e fanno sì che risulti irrinunciabile una prospettiva intersoggettiva dell’economia se con essa si vogliono ottenere risultati che puntino realmente a migliorare il benessere e la felicità umana.
File