ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-03262018-111846


Thesis type
Tesi di laurea magistrale
Author
BANCALARI, GIULIA
URN
etd-03262018-111846
Title
L'applicazione dei principi ISA Italia nella Revisione del Bilancio Consolidato degli Enti Pubblici - il caso del Comune della Spezia
Struttura
ECONOMIA E MANAGEMENT
Corso di studi
STRATEGIA, MANAGEMENT E CONTROLLO
Commissione
relatore Dott. Conti, Gianpiero Renato
Parole chiave
  • società partecipate
  • revisione
  • gruppo amministrazione pubblica
  • enti pubblici locali
  • bilancio consolidato
Data inizio appello
03/05/2018;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
L’esternalizzazione di servizi da parte della Pubblica Amministrazione è un fenomeno che ha conosciuto la sua espansione a partire dagli anni ’90 del secolo scorso. <br>Tra i motivi che spingono i Comuni ad affidare a soggetti specializzati determinati servizi spiccano quello di puntare a un contenimento dei costi di gestione e quello di garantire standard qualitativi più elevati e un’efficienza altrimenti non perseguibile. <br>La compenetrazione sempre più marcata tra realtà pubblica (quella degli Enti Locali) e privata (quella dei soggetti partecipati) ha reso necessario lo sviluppo di strumenti contabili adeguati alla nuova realtà. <br>Se, in passato, gli Enti Pubblici Locali potevano permettersi di adottare una contabilità basata esclusivamente sulla competenza finanziaria, oggi ciò risulterebbe del tutto obsoleto poiché non è più possibile considerare il Comune come un soggetto slegato dalle realtà che lo circondano e con cui ha continue interazioni. <br>L’allegato 4/3 del D. Lgs. 118/2011 in materia di Armonizzazione Contabile delle Pubbliche Amministrazioni individua una serie di finalità dell’affiancamento della contabilità economico-patrimoniale a quella finanziaria fra cui quella di “permettere l’elaborazione del bilancio consolidato di ciascuna amministrazione con i propri enti e organismi strumentali, aziende e società”. Proprio questo sarà l’oggetto di studio del presente lavoro.<br>La scelta di affrontare l’argomento della Revisione del Bilancio Consolidato degli Enti Locali è dovuta al fatto che si tratta di un panorama nuovo, ancora poco definito e su cui non si pone, per il momento, una sufficiente attenzione. La tendenza è quella di attribuire grande rilevanza al Bilancio Previsionale e a tutto ciò che vi ruota attorno, poiché si è ancora legati ad una tradizione che lo vuole come strumento principe del sistema di bilancio degli Enti Locali per il suo carattere autorizzatorio, trascurando il peso che può avere a livello consuntivo il Rendiconto e, ancora di più, il Bilancio Consolidato.<br>Occorre entrare nell’ottica che, al giorno d’oggi, l’Ente Locale si comporta come una vera e propria holding; perciò anche il modello di Revisione deve adattarsi a questa rapida evoluzione della realtà.<br>Per il momento si sta vivendo una fase sperimentale che, pertanto, richiede di essere messa a punto, riscontrando gli eventuali punti di debolezza, le lacune e adottando possibili soluzioni al fine di conferire al Bilancio Consolidato il rilievo e l’importanza che merita, in quanto strumento fondamentale, alla pari del Bilancio Previsionale.
File