ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-02202004-123227


Thesis type
Tesi di laurea vecchio ordinamento
Author
Valleggi, Simona
URN
etd-02202004-123227
Title
Espressione genica differenziale nel Sistema Nervoso Centrale di ratti trattati con acetil-L-carnitina
Struttura
SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI
Corso di studi
SCIENZE BIOLOGICHE
Commissione
relatore Brunelli, Marcello
relatore Traina, Giovanna
Parole chiave
  • ATP synthase lipid-binding protein
  • heat shock protein
  • proteina 14-3-3
  • librerie differenziali sottrattive
  • acetil-L-carnitina
  • sistema nervoso centrale
  • ratto
Data inizio appello
09/03/2004;
Consultabilità
parziale
Data di rilascio
09/03/2044
Riassunto analitico
L’ Acetil-L-Carnitina (ALC) è una biomolecola naturale fisiologicamente presente nel Sistema Nervoso Centrale (SNC) e rappresenta l’estere di carnitina più abbondante nel tessuto cerebrale del Vertebrato.<br>È un composto di notevole interesse per le sue ampie applicazioni cliniche: viene infatti ampiamente utilizzato nel trattamento del dolore. <br>Recentemente, è stato visto esercitare un potente effetto analgesico attraverso l’up-regulation dei recettori metabotropici del glutammato, mGlu2, nel ratto.<br>Studi comportamentali hanno messo in evidenza un possibile ruolo dell’ALC nel miglioramento dei livelli di attenzione, di apprendimento e di memoria in ratti trattati con questa sostanza. Studi elettrofisiologici condotti su fettine di ippocampo di ratto hanno evidenziato una facilitazione delle connessioni sinaptiche tra le fibre collaterali di Schaffer e le cellule piramidali del campo CA1. Inoltre, è stato dimostrato che l’ALC esercita un potenziamento sulla Long Term Potentiation (LTP). La LTP rappresenta il modello di plasticità neuronale attività-dipendente maggiormente studiato nel SNC di Vertebrato quale modello cellulare di apprendimento e memoria.<br>Altri studi condotti sul modello dell’invertebrato Hirudo medicinalis hanno dimostrato che l’ALC influenza i processi di apprendimento non associativo a breve e a lungo termine, tipo disabitudine e sensitizzazione.<br>In particolare nel modello comportamentale dell’induzione al nuoto in <br>H. medicinalis, la somministrazione di ALC deprime la disabitudine e la sensitizzazione, indotte da stimolazione nocicettiva o da somministrazione di serotonina ed è di particolare rilievo che questi effetti si protraggano nel tempo (fino a 24 giorni dalla somministrazione di ALC).<br>Tutti questi risultati suggeriscono che l’azione dell’ALC possa esercitarsi attraverso variazioni quantitative e qualitative dell’espressione genica.<br>Per verificare questa ipotesi ci siamo avvalsi dell’ibridazione sottrattiva soppressiva (suppression subtractive hybridization, SSH), un efficiente metodo utilizzato per evidenziare patterns di espressione genica associati a particolari stati fisiologici o patologici, a determinati fenotipi, ad un tessuto o ad un tipo cellulare.<br>Questa tecnica permette, attraverso la costruzione di librerie sottrattive di cDNA, l’identificazione di geni la cui espressione può essere indotta o inibita dal trattamento in esame. <br>Lo studio è stato condotto su due gruppi di ratti Wistar, trattati per 21 giorni con somministrazione giornaliera intraperitoneale rispettivamente di ALC (Sigma Tau Laboratories, 100 mg/Kg), e soluzione fisiologica.<br>L’RNA poli(A)+ estratto dal SNC sia dei ratti di controllo che dei ratti trattati, è stato utilizzato per la costruzione delle librerie sottrattive di cDNA.<br>Dopo aver valutato l’efficienza della sottrazione, i cDNA sono stati clonati e sottoposti a screening.<br>Le sequenze dei cloni differenziali, ottenute con sequenziatore automatico, sono state analizzate mediante comparazione con le sequenze depositate nelle banche dati tramite programmi come FASTA, BLASTX e BLASTN.<br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br><br>
File