ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-02192018-131508


Thesis type
Tesi di laurea magistrale LM6
Author
FINI, ELISABETTA
URN
etd-02192018-131508
Title
Uso dell'eparina nelle gravidanze a rischio di complicanze trombotiche
Struttura
RICERCA TRASLAZIONALE E DELLE NUOVE TECNOLOGIE IN MEDICINA E CHIRURGIA
Corso di studi
MEDICINA E CHIRURGIA
Commissione
relatore Dott. Bottone, Pietro
correlatore Dott.ssa Battini, Lorella
Parole chiave
  • eparina
  • gravidanza
  • trombosi
Data inizio appello
13/03/2018;
Consultabilità
completa
Riassunto analitico
L&#39;eparina è un farmaco che trova un ampio utilizzo nella pratica clinica. Ha infatti indicazione nella profilassi e nel trattamento del tromboembolismo venoso e dell&#39;embolia polmonare, nella profilassi della formazione di trombi in pazienti ad alto rischio (fibrillazione atriale, protesi valvolari meccaniche, ECMO), nell&#39;infarto miocardico, nell&#39;angina instabile, nelle trombosi cerebrali e in molte altre condizioni.<br>Presenta 2 diverse formulazioni: eparina non frazionata o standard e eparina frazionata o a basso peso molecolare (EBPM). In ambito ostetrico, e in particolare nelle gravidanze a rischio trombotico, viene impiegata l&#39;EBPM. Questo perché non attraversa la placenta, quindi ha un profilo sicuro per il feto, e al dosaggio di 4000UI/die in 0,4 ml sottocute, svolge un&#39;azione antitrombotica selettiva a livello dell&#39;endotelio placentare, riducendo il rischio di effetti collaterali e migliorando il processo di placentazione.<br>In gravidanza, si instaura uno stato trombofilico fisiologico, caratterizzato da un aumento dei fattori procoagulanti e una diminuzione degli anticoagulanti fisiologici, finalizzato a ridurre il rischio emorragico. Tuttavia ci sono delle condizioni di trombofilia ereditaria (deficit della coagulazione geneticamente determinati) e acquisita (sindrome da anticorpi antifosfolipidi, diabete, restrizione della crescita fetale, preeclampsia) in cui questo rischio si accentua. Tutti questi stati trombofilici, oltre che al rischio trombotico, si associano a un deficit nel processo di placentazione, fattore che condiziona in maniera negativa l&#39;outcome materno-fetale.<br>Tenendo in considerazione ciò, si è deciso di condurre uno studio per dimostrare l&#39;efficacia dell&#39;eparina nelle gravidanze a rischio di complicanze trombotiche. Il razionale di questo studio è dato dal fatto che in queste gestazioni la placenta non si forma in maniera corretta e si è supposto che l&#39;eparina, agendo su di essa tramite numerosi meccanismi molecolari, possa essere efficace.<br>Abbiamo confrontato l&#39;outcome materno-fetale del gruppo trattato con quello di un altro gruppo, omogeneo per fattori di rischio, ma non trattato; inoltre si è confrontato il gruppo di pazienti trattate con un gruppo di gestanti con gravidanza fisiologica. I dati dimostrano che il risultato ottenuto non solo è favorevole nelle pazienti trattate, ma è anche sovrapponibile a quello del fisiologico decorso gravidico.<br>L&#39;outcome materno-fetale è stato valutato sulla base di alcuni parametri quali: durata in settimane della gestazione, modalità di parto, peso, lunghezza e circonferenza cranio del neonato, Apgar a 5 minuti, peso della placenta, pH arterioso, BE (eccesso di basi), pCO2 e pO2, rilevati tramite emogasanalisi (EGA) a livello dell&#39;arteria ombelicale.<br>
File