ETD system

Electronic theses and dissertations repository

 

Tesi etd-01102012-125137


Thesis type
Tesi di laurea specialistica
Author
PARIETTI, RACHELE
URN
etd-01102012-125137
Title
Implicazioni etiche nell'utilizzo di farmaci in eta' pediatrica
Struttura
INTERFACOLTA'
Corso di studi
SCIENZE PER LA PACE: COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO, MEDIAZIONE E TRASFORMAZIONE DEI CONFLITTI
Supervisors
relatore Prof. Bartolucci, Valentina
Parole chiave
  • salute bambini
  • trial clinici
  • trial pediatria
  • ADHD
  • disturbi sonno bambini
  • insonnia
  • depressione infantile
  • niaprazina
  • fluoxetina
  • metilfenidato
  • atomoxetina
  • sertralina
  • psicostimolanti
  • droghe
  • nonviolenza
  • bambini
  • etica
  • off-label
  • medicalizzazione
  • diritto alla salute
  • unlicensed
  • farmaci
  • psicofarmaci
  • disease mongering
  • violenza diretta
  • violenza strutturale
Data inizio appello
26/01/2012;
Consultabilità
Parziale
Data di rilascio
26/01/2052
Riassunto analitico
Analisi del fenomeno di uso/abuso di farmaci psicoattivi in eta' pediatrica, attraverso una chiave di lettura socio-conflittuale.
Nel corso del lavoro sono presi in esame tre disturbi che hanno una sempre maggior incidenza nella popolazione pediatrica, quali ADHD (Attention Deficit Hyperactive Disorder) insonnia e depressione, curati con farmaci psicoattivi. Sara' invece dimostrato come, salvo casi gravi, questa pratica sia lesiva e violenta nei confronti dei bambini, poiche' questi disturbi rappresentano piuttosto l'espressione di un disagio che dovrebbe essere indagato e risolto, attraverso un ascolto attivo del soggetto.
La medicalizzazione in eta' pediatrica viene vista come una forma di violenza, diretta e strutturale, che coinvolge non solo i bambini, ma a vario titolo l'intera societa': in quest'ottica le relazioni che si vanno a costruire con i bambini assumono caratteristiche di violenza, trasformandoli da "soggetti" della relazione in "oggetti" sui quali si scarica tutto il potenziale violento.
Si propone quindi un approccio etico che tenda a trasformare il comportamento da violento a costruttivo e nonviolento, di quanti si trovano ad agire, operare, vivere con i bambini.
L'articolazione della tesi prevede un primo inquadramento del fenomeno, attraverso una breve descrizione dei disturbi presi in esame e delle sostanze medicinali utilizzate per il trattamento farmacologico; saranno in seguito analizzate a vario titolo le forme con cui la medicalizzazione attua una violenza diretta, ma soprattutto strutturale, sui soggetti pediatrici e su tutta la societa': verra' quindi discusso l'utilizzo off-label e unlicensed dei farmaci in pediatria, le possibili differenze di policy tra i paesi. In seguito saranno analizzate le strategie attraverso le quali le aziende farmaceutiche attuano violenza strutturale sulle societa', con una discussione sui fenomeni del "disease mongering", di "infomercial", di "seeding trial" e dei "bias" di pubblicazione dei tests clinici; particolare attenzione viene posta sui trials in eta' pediatrica, date le grandi implicazioni etiche al quale il fenomeno e' soggetto.
Gli ultimi due capitoli riguardano alcuni aspetti sociologici e le implicazioni etiche che la medicalizzazione comporta: dopo un inquadramento della violenza alla quale i bambini sono sottoposti, verra' proposto un approccio etico tendente appunto alla trasformazione della violenza e che proponga una chiave di lettura diversa dei disturbi oggetto d'analisi.
File