Home ETD
banca dati delle tesi e dissertazioni accademiche elettroniche
Università di Pisa
Sistema bibliotecario di ateneo
Tesi etd-09232007-220236
Condividi questa tesi: 
 
 

Tipo di tesi Tesi di laurea vecchio ordinamento
Autore BRIGHI, LUCA
URN etd-09232007-220236
Titolo Il commercio del rame nel Mediterraneo durante l'Età del Bronzo
Settore scientifico disciplinare LETTERE E FILOSOFIA, FACOLTA'
Corso di studi CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI
Commissione
Nome Commissario Qualifica
Prof. Giampaolo Graziadio Relatore
Prof. Claudio Arias Relatore
Parole chiave
  • commercio
  • età del bronzo
  • cipro
  • oxhide ingot
  • lead isotope analysis
Data inizio appello 2007-10-15
Disponibilità unrestricted
Riassunto analitico
Il catalogo di tutti i ritrovamenti di lingotti oxhide rivela una notevole diffusione di tali manufatti, presenti prevalentemente in siti costieri e nelle grandi isole di Cipro, Creta e Sardegna. Più precisamente, la mappa dei ritrovamenti dei lingotti oxhide, rinvenuti integri o frammentari, si estende dalla costa Sirio-Palestinese fino alla Sardegna e al Mediterraneo centrale, raggiungendo a nord le coste della Bulgaria sul mar Nero, e a sud il Delta del Nilo.
Nel valutare il commercio del metallo, non si può prescindere dallo studiare anche i traffici di altra natura, che mettevano in comunicazione i diversi stati del bacino dell Mediterraneo. Durante la Tarda Età del Bronzo la rete di contatti internazionali diventa particolarmente ricca e complessa. Attraverso rotte marittime consolidate, le navi del periodo trasportavano merci di vario genere, comprese grandi quantità di metallo (rame e stagno)in forma di lingotti. I relitti di Ulu Burun e Capo Gelidonya hanno rivelato che le rotte marittime partivano dall’Egitto, dalla costa Sirio-Palestinese e da Cipro, e raggiungevano Creta lungo le coste dell’Asia Minore attraverso Rodi, o anche lungo la costa libica. Da Creta, le navi si indirizzavano verso la Grecia, il Peloponneso in particolare, per poi continuare il viaggio verso le coste italiane, la Sardegna e la Sicilia.
Tradizionalmente, il ruolo di Cipro è sempre stato considerato dominante nella produzione di rame nel Mediterraneo durante il Tardo Bronzo. Grazie alla collaborazione tra scienziati ed archeologi, da quasi trenta anni si è potuta ulteriormente rafforzare la teoria della centralità di Cipro, tramite lo studio archeometrico sulla provenienza dei metalli. Le indagini sugli isotopi del piombo (Lead Isotope Analysis, LIA) sono infatti diventate dagli anni ’80 un punto focale della ricerca archeologica inerente la produzione e il commercio del metallo durante l’Età del Bronzo. I risultati delle analisi hanno rivelato che quasi la totalità dei lingotti oxhide erano prodotti in miniere cipriote, in particolare dal distretto di Apliki, nelle montagne del Trodoos, a parte quei lingotti del TM I provenienti da Ayia Triada, Zakro e Tylissos, a Creta.
File
  Nome file       Dimensione       Tempo di download stimato (Ore:Minuti:Secondi) 
 
 28.8 Modem   56K Modem   ISDN (64 Kb)   ISDN (128 Kb)    piu' di 128 Kb  
  01_Copertina.pdf 11.33 Kb 00:00:03 00:00:01 00:00:01 < 00:00:01 < 00:00:01
  02_INDICE.pdf 41.09 Kb 00:00:11 00:00:05 00:00:05 00:00:02 < 00:00:01
  03_CAPITOLO_PRIMO.pdf 678.89 Kb 00:03:08 00:01:36 00:01:24 00:00:42 00:00:03
  04_CAPITOLO_SECONDO.pdf 3.54 Mb 00:16:23 00:08:25 00:07:22 00:03:41 00:00:18
  05_CAPITOLO_TERZO.pdf 1.20 Mb 00:05:33 00:02:51 00:02:30 00:01:15 00:00:06
  06_CAPITOLO_QUARTO.pdf 1.12 Mb 00:05:11 00:02:40 00:02:20 00:01:10 00:00:05
  07_CONCLUSIONE.pdf 45.59 Kb 00:00:12 00:00:06 00:00:05 00:00:02 < 00:00:01
  08_BIBLIOGRAFIA.pdf 107.43 Kb 00:00:29 00:00:15 00:00:13 00:00:06 < 00:00:01
  09_APPENDICE_CATALOGO.pdf 44.16 Kb 00:00:12 00:00:06 00:00:05 00:00:02 < 00:00:01
Contatta l'autore