Home ETD
banca dati delle tesi e dissertazioni accademiche elettroniche
Università di Pisa
Sistema bibliotecario di ateneo
Tesi etd-09132010-094715
Condividi questa tesi: 
 
 

Tipo di tesi Tesi di laurea specialistica
Autore CAVALLINI, SARA
URN etd-09132010-094715
Titolo Studio del ruolo antiproliferativo del microRNA-34a e -145 in una linea cellulare di linfoma follicolare mediante l'utilizzo di un vettore lentivirale.
Settore scientifico disciplinare SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI, FACOLTA'
Corso di studi SCIENZE E TECNOLOGIE BIOMOLECOLARI
Commissione
Nome Commissario Qualifica
Dott.ssa Letizia Pitto relatore
Dott. Giuseppe Rainaldi relatore
Parole chiave
  • vettori lentivirali
  • miR-145
  • miR-34a
  • microRNA
Data inizio appello 2010-09-27
Disponibilità mixed
Data di rilascio2050-09-27
Riassunto analitico
I linfomi sono una classe di tumori del tessuto linfoide (linfociti T, B e loro precursori) che rappresenta complessivamente il 5% dei tumori maligni. I più frequenti tipi di linfoma sono detti collettivamente linfomi delle cellule B (BCLs, B-Cell Lymphomas) e tra di essi si ritrovano vari tipi di neoplasie con differenti caratteristiche sia cliniche che molecolari.
Una tra le caratteristiche che contraddistinguono molti tipi di linfomi a cellule B è la sovraespressione della proteina BCL6, un regolatore trascrizionale con molteplici ruoli tra cui il differenziamento delle cellule B e la repressione della proteina tumor suppressor Tp53. La diminuzione di espressione di BCL6 ha prodotto, in linee di linfoma a cellule B, un arresto della crescita e una miglior risposta ad agenti ionizzanti.
Nella linea cellulare che noi abbiamo utilizzato come modello di studio (linea DoHH2 derivata da un linfoma follicolare) il silenziamento di BCL6 in seguito alla somministrazione di un siRNA (short-interfering RNA) provoca solo un minimo effetto sulla proliferazione cellulare. Ciò ci ha suggerito che nella cellula tumorale potessero esistere una serie di sistemi che le permettano di non risentire degli effetti derivanti dalla modificazione transitoria di un fattore di trascrizione come BCL6. Tra i modulatori dell’azione di BCL6 vi sono i microRNA -34a e -145, già noti in letteratura per il loro effetto tumor suppressor.
Lo scopo della tesi è stato quello di studiare il ruolo antiproliferativo di una espressione costitutiva dei microRNA-34a e -145 nella linea DoHH2. A tal fine si è proceduto alla costruzione di un set di vettori lentivirali adattati per consentire l’espressione di ognuno dei miRNA selezionati nelle cellule DoHH2.
I risultati ottenuti suggeriscono che, anche in questa linea cellulare, i due miRNA abbiano un ruolo antiproliferativo. Le cellule trasdotte con i vettori lentivirali codificanti i miRNA infatti subiscono un forte rallentamento della crescita rispetto alle cellule di controllo.
In futuro ci proponiamo di identificare i geni la cui espressione risulta controllata da questi microRNA al fine di chiarire i meccanismi molecolari mediante i quali esplicano la loro attività antiproliferativa. La conoscenza dei meccanismi di azione risulta particolarmente importante soprattutto in prospettiva di un eventuale uso terapeutico di queste molecole.
File
  Nome file       Dimensione       Tempo di download stimato (Ore:Minuti:Secondi) 
 
 28.8 Modem   56K Modem   ISDN (64 Kb)   ISDN (128 Kb)    piu' di 128 Kb  
  Indice_e_Riassunto.pdf 58.77 Kb 00:00:16 00:00:08 00:00:07 00:00:03 < 00:00:01
  Introduzione.pdf 4.05 Mb 00:18:46 00:09:39 00:08:26 00:04:13 00:00:21
  Scopo_della_tesi.pdf 24.04 Kb 00:00:06 00:00:03 00:00:03 00:00:01 < 00:00:01
Ci sono 5 file riservati su richiesta dell'autore.
Contatta l'autore