Home ETD
banca dati delle tesi e dissertazioni accademiche elettroniche
Università di Pisa
Sistema bibliotecario di ateneo
Tesi etd-06292006-172615
Condividi questa tesi: 
 
 

Tipo di tesi Tesi di laurea specialistica
Autore Cigni, Tatiana
Indirizzo email taiana.cigni@virgilio.it
URN etd-06292006-172615
Titolo Identificazione dei pazienti acromegalici a rischio per lo sviluppo di tumori del colon
Settore scientifico disciplinare MEDICINA E CHIRURGIA, FACOLTA'
Corso di studi MEDICINA E CHIRURGIA
Commissione
Nome Commissario Qualifica
Enio Martino Relatore
Parole chiave
  • tumori colon
  • Acromegalia
Data inizio appello 2006-07-18
Disponibilità unrestricted
Riassunto analitico
RIASSUNTO
L’acromegalia è una sindrome caratterizzata dall’eccessiva secrezione di ormone della crescita (GH) dovuta solitamente ad un adenoma ipofisario GH-secernente. Questa sindrome è associata ad un’aumentata prevalenza di tumori del colon, sebbene i fattori implicati nel loro sviluppo e nella loro recidiva non siano del tutto noti.
Scopo del lavoro: Scopo della presente tesi è quello di identificare i pazienti acromegalici a rischio per lo sviluppo di adenomi del colon e chiarire il ruolo dell’attività di malattia in questo processo; il tutto nell’ottica di modificare la storia naturale della malattia adenomatosa e ridurre la mortalità per patologia neoplastica ad essa correlata, in questa categoria di pazienti.
Pazienti e metodi: Al fine di identificare i soggetti a rischio aumentato di sviluppare tumori del colon, 79 pazienti con acromegalia sono stati inseriti in uno studio prospettico e seguiti per 5 anni. Duecentottanta soggetti sani sono stati utilizzati come controlli. La presenza di lesioni del colon e l’attività di malattia sono state valutate mediante colonscopia e dosaggio dei valori sierici di IGF-1. Il controllo della malattia acromegalica è stato definito per livelli sierici di IGF-1 all’interno del range di normalità per l’età.
Risultati: Alla prima colonscopia sono stati rilevati adenomi del colon in 26 dei 79 pazienti acromegalici (32.9%) e in 60 dei 280 controlli (21.4%) , p=0.035 (valore aggiustato per sesso ed età, odd ratio 1.82, 95% CI, 1.02-3.25). Sette pazienti avevano polipi iperplastici; i rimanenti 46 pazienti acromegalici non avevano lesioni identificabili all’epoca del primo controllo e non hanno sviluppato adenomi durante il periodo di studio. Dei 26 pazienti che presentavano adenomi colici al primo controllo, 16 (61,5%) hanno avuto una o più recidive (p<0.0001 vs pazienti senza lesioni adenomtose al primo controllo); inoltre le recidive multiple si sono verificate più frequentemente in pazienti con acromegalia non controllata (66.7% vs 17.6% in pazienti con malattia controllata, p=0.028).
Conclusioni: In conclusione, grazie ai dati ottenuti con questo studio, si può affermare che la prima colonscopia aiuta ad identificare i pazienti acromegalici ad alto rischio per lo sviluppo di adenomi del colon. Pazienti che non hanno lesioni adenomatose alla prima colonscopia, è improbabile che le sviluppino successivamente, indipendentemente dal controllo metabolico dell’acromegalia. All’opposto, nuove lesioni sono frequenti, e spesso multiple, in pazienti che avevano già evidenza di malattia colica al primo controllo, in modo particolare quando la malattia acromegalia continua ad essere non ben controllata.
File
  Nome file       Dimensione       Tempo di download stimato (Ore:Minuti:Secondi) 
 
 28.8 Modem   56K Modem   ISDN (64 Kb)   ISDN (128 Kb)    piu' di 128 Kb  
  INDICE.PDF 2.64 Kb < 00:00:01 < 00:00:01 < 00:00:01 < 00:00:01 < 00:00:01
  TATIANA.PDF 1.29 Mb 00:05:57 00:03:03 00:02:40 00:01:20 00:00:06
Contatta l'autore