Home ETD
banca dati delle tesi e dissertazioni accademiche elettroniche
Università di Pisa
Sistema bibliotecario di ateneo
Tesi etd-05172010-205103
Condividi questa tesi: 
 
 

Tipo di tesi Tesi di laurea specialistica LC5
Autore MICONI, ANNA MARIA
URN etd-05172010-205103
Titolo Progettazione e sintesi di derivati Ftalimmidici quali potenziali inibitori di metalloproteasi
Settore scientifico disciplinare FARMACIA, FACOLTA'
Corso di studi CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE
Commissione
Nome Commissario Qualifica
Dott.ssa Concettina La Motta relatore
Dott. Matteo Morelli relatore
Parole chiave
  • MMPs
  • inibitori delle MMPs
  • Derivati Ftalimmidici
Data inizio appello 2010-06-09
Disponibilità mixed
Data di rilascio2050-06-09
Riassunto analitico
RIASSUNTO

Le metalloproteasi di matrice (MMPs) sono una grande famiglia di endopeptidasi calcio-dipendenti contenenti zinco, prodotte prevalentemente dalle cellule del tessuto connettivo e responsabili del rimodellamento tessutale e della degradazione della maggior parte dei componenti della matrice extracellulare (quali collagene, elastina, gelatina, glicoproteine di matrice e proteoglicani) catalizzando l’idrolisi di legami peptidici a livello di precise sequenze amminoacidiche.
Nelle normali condizioni fisiologiche, la loro espressione è strettamente controllata e regolata da ormoni, fattori di crescita e citochine e la loro attività da inibitori endogeni della metalloproteasi (MMPIs) e inibitori tessutali delle metalloproteasi (TIMPs).
Un’inefficienza in uno dei meccanismi di controllo omeostatico che porta ad una sovra espressione delle MMPs può essere strettamente legata all’insorgenza di patologie di grave entità, caratterizzate da una forte degradazione dei tessuti strutturali e connettivi, quali invasione tumorale accompagnata da formazione di metastasi, morbo di Alzheimer, ulcera gastrica, cirrosi e fibrosi epatica, artrite reumatoide ed osteoartrite, periodontite, sclerosi multipla, aterosclerosi ecc.
Tra le metalloproteasi di matrice, due sono particolarmente coinvolte nella progressione tumorale: la gelatinasi A (MMP-2) e la gelatinasi B (MMP-9). Esse sono state proposte come potenziali target terapeutici per gli alti livelli di espressione in vari casi di tumori umani (tumore colon-rettale, carcinoma gastrico, carcinoma pancreatico, tumore al seno, melanoma, condrosarcoma) e per l’abilità a degradare il collagene di tipo IV, principale componente delle membrane basali.
La maggior parte degli inibitori delle MMPs presenti in letteratura possiede un gruppo funzionale capace di chelare l’atomo di zinco catalitico presente nel sito attivo dell’enzima (Zinc-Binding-Group o ZBG). In questo modo l’attività proteolitica di questi enzimi viene inibita. Gli inibitori che presentano una funzione chelante di tipo idrossamico sono risultati i più efficaci, tuttavia essi mostrano problemi di biodisponibilità, nonché di tossicità. Da qui la necessità di ricercare nuove molecole capaci di ovviare a questi inconvenienti e di mostrare un’efficacia e una selettività sempre maggiori.
Alla luce di quanto detto, l’obiettivo di questo lavoro di tesi è stato la progettazione e la sintesi di derivati Ftalimmidici quali possibili inibitori delle gelatinasi.









File
  Nome file       Dimensione       Tempo di download stimato (Ore:Minuti:Secondi) 
 
 28.8 Modem   56K Modem   ISDN (64 Kb)   ISDN (128 Kb)    piu' di 128 Kb  
Ci sono 6 file riservati su richiesta dell'autore.
Contatta l'autore